Violenza online in Croazia. Nel mirino il 72% delle ragazze

La maggior parte delle studentesse delle superiori, il 72%, è stata esposta su Internet a  commenti a sfondo sessuale, e quasi una ragazza su dieci è stata oggetto di ricatti sessuali, secondo il sondaggio condotto dal CESI – Center for Education, Counseling and Research. Il 7% delle ragazze delle medie superiori ha subito una pubblicazione di video o foto inviate a qualcuno privatamente, secondo il sondaggio sulla violenza elettronica tra gli studenti delle scuole superiori condotto all’inizio di quest’anno come parte del progetto “Posso dire no – L’amore non è violenza”. L’indagine è stata condotta su un campione di 458 studenti delle scuole superiori e studenti provenienti da diverse parti della Croazia attraverso un questionario online. D’altra parte, il 44 per cento dei ragazzi ha subito minacce online legate alla loro integrità fisica, un quarto è stato sottoposto a messaggi offensivi, mentre un quinto di loro a pressioni di viario genere, nonché sono stati costretti a vedere pornografia online. Nella maggior parte dei casi, i partner di sesso maschile o (ex) è indicata come autori di violenza sessuale elettronica basata sul genere. Le ragazze che hanno subito violenza digitale diverse volte, più spesso sottolineano di essersi sentite impotenti e spaventate.

Facebook Commenti