Slovenia, 88 nuovi casi su 2.335 test

In Slovenia, dopo i 2.335 test effettuati lunedì, sono stati confermati 88 casi di persone positive alla nuova infezione da coronavirus. Presso gli istituti ospedalieri sono in cura 71 pazienti, di cui 13 si trovano in terapia intensiva. Nessun paziente con Covid-19 è morto. Otto persone sono state dimesse e affidate a cure domiciliari. Un totale di 4.558 infezioni sono state confermate in Slovenia dall’inizio dell’emergenza e 142 pazienti con il nuovo coronavirus sono morti.
Nuovi contagi sono stati confermati in 39 comuni, di cui 24 a Lubiana, dove ci sono quasi 300 infezioni attive. Sei casi sono stati scoperti a Maribor, quattro a Celje e Domžale. Komen e Apače si uniscono ai comuni con almeno un caso d’infezione. Senza un caso confermato, ci sono solo 15 comuni sloveni su un totale di 212.
Due nuovi casi di infezione sono stati segnalati a San Pietro del Carso (Pivka), con un totale di 37 attivi. Due nuove infezioni si trovano anche a Villa del Nevoso (Ilirska Bistrica) che ora ha 30 infezioni attive, mentre a Capodistria ci sono due infezioni. Un nuovo caso è stato registrato a Postumia, Divača, Erpelle-Cosina e Komen. Nel frattempo, ci sono tre infezioni attive a Pirano, uno a Isola e Ancarano. Lunedì non ci sono state nuove infezioni in questi tre comuni.
Il capo dell’unità di terapia intensiva presso la Clinica infettiva dell’Università di Lubliana Matjaž Jereb, ha annunciato che, data la situazione epidemiologica nel Paese, anche il numero di pazienti accettati in ospedale per Covid-19 è previsto che aumenti. Nell’unità di terapia intensiva, il paziente più giovane ricoverato ha 47 anni mentre il paziente più anziano ne ha 81, ha confermato Jereb. Ciò che è preoccupante è il fatto che l’età media dei pazienti attualmente in trattamento in terapia intensiva è di 57 anni. In media, sono più giovani di quanto non fossero nella prima ondata.

Facebook Commenti