Vaccino. Ue, spetta ai singoli Stati decidere sulla obbligatorietà

Foto Roni Brmalj

“La competenza sulle campagne vaccinali è in mano agli Stati membri e, quindi, ogni decisione sull’obbligatorietà della vaccinazione spetta ai governi nazionali”. Lo ha detto Stefan de Keersmaecker, portavoce della Commissione europea, nel corso del briefing quotidiano. “Continuiamo a sottolineare l’importanza della vaccinazione sostenendo le rispettive campagne nazionali”, ha concluso il portavoce.
Anche la Cancelliera tedesca Angela merkel respinge la possibilità che la vaccinazione diventi obbligatoria. “Con il vaccino non proteggete solo voi stessi, ma anche le persone che amate, mettendo anche al riparo la società intera dal peso delle restrizioni. Parlate nelle famiglie, sul posto di lavoro, dappertutto e incentivate al vaccino”, ha detto la Cancelliera confermando di non avere nessuna intenzione di rendere obbligatoria la vaccinazione anti-Covid.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.