Slovenia. Da oggi nuove restrizioni antiCovid

Al fine di limitare i contagi da coronavirus, il governo di Lubiana ha deciso di introdurre misure più restrittive che entreranno in vigore da oggi, 8 novembre. Niente lockdown dunque in Slovenia.
Il criterio GVT (ossia guarito-vaccinato-testato) sarà richiesto a partire dai 12 anni e oltre al green pass si dovrà esibire anche un documento d’identità. Bar e ristoranti potranno essere aperti dalle 5 alle 22 offrendo solo il servizio ai tavoli e mantenendo la dovuta distanza. Le rivendite dovranno garantire almeno 10 metri quadrati per ogni avventore e dovranno esibire all’ingresso il cartello con il numero massimo di clienti. Per quanto riguarda l’uso delle mascherine, non potranno essere utilizzate quelle di stoffa bensì le mascherine chirurgiche e quelle FFP2. Chiusi tutti i night club e le discoteche. Le feste sono state vietate come pure gli assembramenti e tutte le manifestazioni. Per poter assistere agli eventi culturali e a competizioni sportive gli spettatori dovranno indossare la mascherina, si dovrà rispettare il criterio GVT e l’alternanza di posti. La stessa disposizione verrà attuata pure per le cerimonie religiose. Il governo sloveno non ha optato per la didattica a distanza mentre gli studenti a partire dal 15 novembre dovranno effettuare il test per il Covid-19 tre volte la settimana.
La situazione nel settore sanitario è allarmante e le misure scattate oggi dovrebbero entro breve tempo dimostrarsi efficaci. Le prossime settimane saranno difficili e metteranno a dura prova la Sanità. L’unica misura efficace per combattere la pandemia è la vaccinazione, lo ha dichiarato il ministro della Salute Janez Poklukar.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.