Croazia. Ecco le misure in vigore fino al 15 settembre

Mascherine obbligatorie almeno fino al 15 settembre

Il ministro degli Interni e capo del Comando della Protezione civile, Davor Božinović, ha
dichiarato che, dall’ultima riunione del governo, sono state decise 5 nuove misure, già applicate da oggi e che rimarranno in vigore fino al 15 settembre. Si tratta di decisioni inerenti alla limitazione degli assembramenti, alla temporanea limitazione dei transiti ai valichi, all’obbligo di indossare le mascherine, a un’organizzazione particolare del lavoro nelle rivendite e nei centri commerciali, nonché al trasporto passeggeri. I bar e le aziende a
conduzione familiare possono servire cibo e bevande agli avventori anche al chiuso, ma
soltanto se sono seduti ai tavoli. Il loro orario di lavoro va dalle ore 6 alle 24. Eccezionalmente è permesso servire i clienti dei casinò e delle case da gioco, ma soltanto sulle terrazze e se sono in possesso del green pass. Negli spazi chiusi è permesso svolgere manifestazioni artistico-culturali soltanto se tutti i presenti possono esibire la green card, documento indispensabile anche per chi intende partecipare alle conferenze e alle fiere al coperto, in cui sono attese più di 100 persone. La convinzione della Task force è che queste misure siano sufficienti, visto l’aumento del numero di vaccinati e guariti.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.