Covid. Croazia, immunità di gregge sotto il 2%

Gli esami di laboratorio dimostrano un risultato praticamente identico in tutti i Paesi euroepi. Foto Armin Durgut/PIXSELL

L’Immunità di gregge è ancora lontanissima. Meno del 2% della popolazione in Croazia, avrebbe contratto il coronavirus. Lo dimostrano i risultati preliminari dei test sierologici realizzati dall’Istituto nazionale per la salute pubblica (Hzjz). La Croazia, come la maggior parte dei Paesi mondiali, ha avviato indagini su campioni rappresentativi della popolazione per stimare più accuratamente quanti finora siano stati infettati dal Covid-19. Secondo le prime analisi, la percentuale di persone contagiate è piuttosto bassa e distante dalla soglia oltre la quale per una malattia contagiosa diventa più difficile diffondersi (la cosiddetta “immunità di gregge”).
L’Hzjz ha avviato i test sierologici tre settimane fa su un campione di 1.100 prelievi di sangue effettuati nei laboratori degli ospedali, delle Case della salute e dell’Istituto per la salute pubblica. “Finora abbiamo testato la metà dei campioni, ossia abbiamo effettuato circa 520 test e i risultati dimostrato che poco meno del 2 per cento della popolazione è stata ammalata. Si tratta di circa 80mila persone”, ha spiegato Tatjana Vilibić-Čavlek, responsabile del reparto di sierologia virale dell’Hzjz. “Una simile percentuale è stata raggiunta anche negli altri Paesi europei”, ha aggiunto Vilibić-Čavlek.

Facebook Commenti