Coronavirus. Brazza (Brač) desta preoccupazione: 41 contagi

Gli abitanti di Nerežišće (Neresi) in attesa di sottoporsi al tampone. Foto Milan Sabic/PIXSELL

Sono trascorsi 77 giorni dal primo caso di Covid-19 in Croazia. Ad oggi 2.196 persone hanno contratto il virus di cui 9 nelle ultime 24 ore quando sono stati effettuati 1.169 tamponi. Si registra un altro decesso e anche in questo caso di tratta di un assistito della Casa per anziani di Koprivnica. Aveva 84 anni e varie malatti pregresse. Complessivamente dieci persone sono morte dopo che il coronavirus è entrato prepotentemente in questa struttura. Oggi la direttrice Vesna Križan ha rassegnato le dimissioni.
Tornando ai 9 nuovi casi di coronavirus, da segnalare che 7 sono stati registrati nell’isola di Brazza (Brač), da pochi giorni nuovo focolaio di questo virus. Nell’insieme sull’isola il numero dei contagiati è arrivato a quota 41 persone, la maggior parte delle quali (20) sono residenti a Nerežišće (Neresi). Anche durante la giornata di oggi sono stati effettuati un centinaio di tamponi e ora si è in attesa dei risultati. L’isola di Brazza è praticamente in quarantena. La possono lasciare soltanto coloro che possiedono particolari lasciapassare. Circa 200 persone si trovano in autoisolamento. La maggior parte dei contagiati, comunque, non lamenta assolutamente alcun sintomo della malattia, il che lascerebbe presagire che il virus si sia indebolito.

Facebook Commenti