All’ospedale di Pola ricoverati soprattutto i no vax

La direttrice dell'ospedale di Pola, Irena Hrstić. Foto Srecko Niketic/PIXSELL

“È eccezionalmente raro che i vaccinati si ammalino in forma grave dall’infezione provocata dal Sars-Cov-2. e ancora più rara è la necessità di ricovero ospedaliero”. Lo afferma la direttrice dell’ospedale di Pola, Irena Hrstić. “La situazione da noi, varia di giornata in giornata, ma normalmente il numero dei degenti vaccinati è sempre inferiore al 10 per cento. La stragrande maggioranza dei ricoverati sono coloro che non hanno ricevuto dosi di vaccino”. Che sintomi presentano i pazienti Covid istriani? C’è differenza di tipologia e di intensità, tra i vaccinati e non? “Non c’è differenza in quanto a natura dei sintomi, ma in quanto a gravità sicuramente. La maggior parte di coloro che si sono sottoposti a profilassi non ha avuto necessità di ricorrere a cure ospedaliere”.

Istria, 18 nuovi casi

Oggi, giovedì 16 settembre, in Istria si segnalano 18 nuove infezioni, scaturite dall’analisi di 374 tamponi, per un tasso di positività del 4,8%. Sono 21 i pazienti che stanno lottando contro la malattia contagiosa, al reparto per le malattie infettive dell’Oospedale di Pola. Gravissimo un paziente in cura intensiva e pertanto attaccato al respiratore.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.