A Parenzo pochi, ma buoni. Grisignana vince la Coppa

PARENZO | La squadra della CI di Grisignana si aggiudica il primo posto al torneo di calcetto della Comunità Nazionale Italiana di Croazia e Slovenia, finanziato con i mezzi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Come di consueto la manifestazione si è svolta sui campi del centro sportivo Zelena Laguna di Parenzo. Tutto perfetto, tranne la scarsa adesione. Al momento del sorteggio c’erano infatti soltanto sei Comunità degli Italiani. Quella di Verteneglio si è presentata con 15 giocatori, per cui ha partecipato al torneo con due squadre. Si sono quindi formati due gironi, uno con tre e l’altro con quattro squadre. In quello con tre formazioni, per facilitare le statistiche è stata inserita la squadra di Castelvenere, che ha rinunciato all’ultimo momento.
Nel girone A c’erano Verteneglio 1, Castelvenere, Sterna e San Lorenzo-Babici. Omologati con il 3-0 a tavolino gli incontri con Castelvenere, ecco i risultati reali con il pareggio tra Sterna e San Lorenzo-Babici per 1-1, il successo per 3-1 di Verteneglio 1 con San Lorenzo-Babići e quello per 3-2 di Verteneglio 1 contro Sterna. Verteneglio 1, come prima del girone, è arrivata alla finale, mentre Sterna ha disputato la finalina per il terzo posto.
Ad attendere Verteneglio 1 c’era Grisignana, seguita in classifica da Umago. Con loro in gruppo c’erano anche Verteneglio 2 e Pirano. Grisignana ha superato per 2-0 Verteneglio 2, mentre Pirano e Umago hanno chiuso in parità (1-1). Verteneglio 2 è stato quindi superato da Umago per 3-0 e da Pirano per 4-3. Grisignana ha battuto 6-0 Umago, che si è comunque qualificato nella finale per il bronzo.
Nella gara che assegnava il trofeo Grisignana ha battuto di misura (1-0) Verteneglio 1, mentre a salire sul gradino più basso del podio è stata la squadra di Umago, che ha battuto per 2-1 Sterna.
Non è tornato a mani vuote nemmeno Pirano, vincitore del premio Fair play. Il capocannoniere del torneo è stato Carlos Šepić della CI di Grisignana, mentre Leonardo Radošić (Verteneglio 1) ha vinto il premio quale miglior portiere.
Non è indispensabile essere in tanti per divertirsi, ma alla fine di una giornata, comunque piacevole per tutti coloro che hanno partecipato, occorre comunque fare una riflessione. All’appuntamento c’era anche Marin Corva, presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana. “Effettivamente, non c’è stata una grandissima adesione, per cui dobbiamo pensare a cambiare qualcosa, ad apportare dei cambiamenti. Sarà necessario scegliere un altro periodo, ma anche un orario diverso, magari spostando le partite al pomeriggio. Ci sono state delle rinunce all’ultimo momento dovute a impegni di lavoro in mattinata. In altre parole, ci vorrà maggiore attenzione sul piano organizzativo”, sottolinea Corva, che ha annunciato un’iniziativa sì sportiva, ma priva di un aspetto agonistico. Nel mese di luglio verrà infatti organizzato un incontro sotto il motto “Comunità senza confini”, una prova di tracking senza la caccia al risultato. “Non tutti giocano a calcio o pallavolo – spiega Corva –, per cui abbiamo pensato a un appuntamento al quale possono aderire tutti. Sarà soltanto una camminata, con un percorso culturale lungo il tragitto della Parenzana”.

Facebook Commenti