L’investigatore Finzi arriva in Croazia

Il romanzo giallo «U ime mafije» (In nome della mafia) del noto fumettista italiano Max Bunker è stato pubblicato per i tipi di Sandorf

La cantante Severina ha impersonato Sharon

È uscito dalle stampe nei giorni scorsi, per i tipi dell’editore croato Sandorf, il romanzo giallo “U ime mafije” (In nome della mafia) del celebre fumettista italiano Max Bunker (pseudonimo di Luciano Secchi). Il libro è stato tradotto in lingua croata da Antonija Radić. Bunker è noto per aver creato personaggi famosi come Alan Ford, Maxmagnus, Kriminal e Satanik, sempre in coppia con il disegnatore Magnus, ritenuti dei classici del fumetto italiano e dai quali vennero tratti film e cartoni animati. La sua attività come romanziere è incentrata soprattutto sul personaggio dell’investigatore Riccardo Finzi, protagonista finora di diciotto romanzi, da uno dei quali venne tratto il film “Agenzia Riccardo Finzi… praticamente detective”, diretto da Bruno Corbucci e interpretato da Renato Pozzetto ed Enzo Cannavale. Anche nell’edizione croata il protagonista è il detective Finzi, mentre l’eroina fatale della vicenda è stata impersonata dalla cantante croata Severina, raffigurata pure sulla copertina del volume.

La copertina dell’edizione italiana

Un delitto a New York
Riccardo Finzi è un investigatore milanese. Piace perché è sufficientemente intelligente, sufficientemente ironico, sufficientemente bravo. Insomma ha tutto quello che serve per essere un “personaggio” dei gialli, senza i difetti che, altri personaggi, hanno. Lo stile dei romanzi di Secchi è lineare, ironico, né troppo colto, né troppo “d’evasione”.

“In nome della mafia” vede il detective milanese Riccardo Finzi negli States: la terra dei parenti emigrati, ma soprattutto la terra del mito, del grande sogno americano. Il pretesto per il viaggio è un biglietto premio per due persone ottenuto dalla sua segretaria. Solo che il mondo dei sogni fa brutti scherzi e il rischio che si trasformino in incubi è dietro l’angolo. Sandorf e Bunker hanno scelto questo titolo per presentarsi ai lettori croati e per far conoscere loro la collana dedicata all’investigatore Finzi, il quale in questo caso deve risolvere un omicidio legato a uno scandalo in seno all’FBI e connesso alla mafia newyorkese. Nel corso delle sue ricerche viene in contatto con il boss della mafia di New York che lo manda a cercare suo nipote Charlie, un personaggio chiave dell’intreccio. Tale ricerca lo porta a Los Angeles dove incontra la femme fatale Sharon, una cantante blues affascinante che segnerà una svolta nella trama. Ed è proprio Sharon che viene impersonata da Severina sulla copertina dell’edizione croata. La cantante croata si è dichiarata una grande ammiratrice della produzione di Max Bunker, proprio come Davor Gobac, Sara Renar, Dalibor Matanić e altri personaggi della scena culturale croata, i quali hanno espresso il desiderio di incontrare dal vivo l’autore non appena le condizioni epidemiologiche lo permetteranno.

Facebook Commenti