Statua di sant’Eufemia: sommozzatori in pellegrinaggio

La statua di Sant’Eufemia prima dell’immersione

È iniziato sabato il programma per la celebrazione della Giornata della Città di Rovigno e della festa patronale di Sant’Eufemia, quest’anno un po’ più modesto rispetto agli anni passati a causa della situazione epidemiologica. Non poteva però mancare il pellegrinaggio subacqueo dedicato alla statua sommersa di Sant’Eufemia, organizzato dal Club per le attività subacquee di Rovigno. Questo è stato il terzo anno in cui i sub hanno raggiunto la statua di Sant’Eufemia, che si trova in fondo al mare nei pressi dell’isolotto di Bagnole.

“In totale si sono riuniti 40 sommozzatori, provenienti da diversi Club dell’Istria, che si sono dati appuntamento alle ore 9 davanti alla sede di quello rovignese, per partire alle 10 verso l’isola di Bagnole, dove si trova la replica della statua della Santa patrona, realizzata quattro anni fa dallo scultore rovignese Andrija Milovan e posizionata sui fondali nei pressi dell’isolotto di Bagnole come attrazione turistica. Questo è stato un dono che abbiamo voluto fare alla Città per dare un ulteriore contributo allo sviluppo del turismo subacqueo, che sta prendendo sempre più piede. L’isola di Bagnole è stata scelta in quanto già nota, sia dai residenti che dai turisti, come un’interessante località per le esplorazioni subacquee, in quanto nelle sue tre grotte sottomarine nasconde una ricca flora e fauna. La statua, sommersa nel 2016 con il sostegno della Città e l’aiuto dei Vigili del fuoco, è affiancata da una targa che ne ricorda l’autore.

Lo sbarco dei sommozzatori

Oggi, a causa della situazione dovuta alla pandemia di Covid-19, abbiamo dovuto limitare il numero degli ospiti, che negli anni precedenti arrivava fino a 150 persone. Speriamo che l’anno prossimo potremo continuare con questa tradizione senza dover limitare le presenze”, ha dichiarato Davide Brattoni, presidente del Club per le attività subacquee di Rovigno.

I festeggiamenti per la Giornata della Città proseguiranno oggi, quando a Villa di Rovigno verrà inaugurato il nuovo edificio dell’asilo d’infanzia “Neven”, dopodiché il sindaco riceverà in Municipio gli sportivi che quest’anno si sono particolarmente distinti alle competizioni nazionali.
Domani invece è in programma la seduta solenne del Consiglio cittadino, che pure si svolgerà nel rispetto delle misure epidemiologiche predisposte dalla Protezione civile, con un numero limitato di ospiti. La seduta solenne sarà preceduta dall’evento sportivo-educativo “Da punta a punta – via mare e via terra”, a cura dell’Unione sportiva cittadina, al quale quest’anno parteciperanno soltanto i nuotatori, che si tufferanno alle 10 nella Baia di Valdaliso per raggiungere il Molo piccolo. Una nuotata di circa 4 chilometri, all’insegna del motto “Amo Rovigno, le sue splendide spiagge e il suo limpido mare”, volta non soltanto a promuovere le bellezze naturali della costa rovignese, ma anche gli antichi toponimi degli isolotti dell’arcipelago di Rovigno.

Il programma si concluderà il giorno successivo, con la Santa messa che sarà celebrata nella ricorrenza della festa patronale. Lo stesso giorno sulla Riva e nella piazza principale si terrà la Fiera dei mestieri tradizionali.

Facebook Commenti