Porto Bussolo, un’oasi pulita

Parenzo. Primo tempo dell’azione educativo-ecologica; il prossimo appuntamento il 15 maggio

I partecipanti all’azione con il sindaco Loris Peršurić e il suo vice connazionale Elio Štifanić

Si è conclusa con successo “Walking with waste” (“Camminare con i rifiuti”), la prima azione educativo-ecologica di pulizia di Porto Bussolo, ultima spiaggia parentina a conservare un carattere naturale e selvaggio.

 

All’iniziativa, organizzata sabato scorso dalla sezione parentina di BioIstra, hanno partecipato una ventina di cittadini, tra cui tre bambini e alcune aderenti all’associazione per la promozione e l’educazione in natura “Drijade” di Torre. L’azione è stata organizzata in collaborazione con la cooperativa sociale dei difensori “Trpinjska cesta 91” di Filippini, con il patrocinio della Città di Parenzo e la sponsorizzazione della “Jamnica”.

In tre ore di lavoro sono stati raccolti quasi 700 kg di rifiuti. Ringraziando gli intervenuti, Lilien Sinožić, coordinatrice della sezione parentina di BioIstra, ci ha fatto notare che, mentre la spiaggia era relativamente pulita, nel vicino bosco sono stati trovati molti “resti” da campeggio, una grande tenda, pezzi di attrezzatura per la grigliata, sedie a sdraio, scarpe, sacchetti di plastica e imballaggi di vetro. “Abbiamo raccolto tutto in sacchi e grazie all’assessorato cittadino al Sistema comunale e alla municipalizzata Usluga, abbiamo convogliato tutto nei contenitori che ci sono stati messi a disposizione. Parte del materiale è stato consegnato al Centro di riciclaggio”.

Sulla spiaggia sono stati rinvenuti anche i resti di un delfino, raccolti dalla Stazione veterinaria cittadina. La situazione evidenziata a Porto Bussolo è stata documentata in un video e con fotografie, al fine di monitorare la spiaggia, il suo stato ecologico e proteggere questa preziosa oasi naturale.

Ai partecipanti hanno fatto visita pure il sindaco di Parenzo, Loris Peršurić e del suo vice, il connazionale Elio Štifanić.

La spiaggia di Porto Bussolo

Nella parte educativa dell’azione, la presidente di BioIstra, Vlasta Radoičić, ha intrattenuto i presenti parlando dell’edera, che soffoca i boschi e dei principi contemporanei di gestione sostenibile e sfruttamento delle risorse naturali.

La prossima azione ecologica, che ancora una volta si svolgerà a Porto Bussolo, avrà luogo il 15 maggio prossimo. Nell’occasione, in collaborazione con l’associazione torresana “Drijade”, si svolgerà anche il primo della serie d’incontri educativi ambientali dedicati ai giovani. Anche il prossimo incontro, come del resto quello di sabato scorso, si svolgerà nel rispetto delle normative anti epidemiologiche, per cui gli interessati sono invitati a notificare la partecipazione all’indirizzo di posta elettronica [email protected] o tramite l’applicazione Messenger.

Ecosfera a Garbina
Nei giorni scorsi, la sezione parentina di BioIstra ha organizzato anche l’azione educativa ecologica “Eco oasi in creazione”, che si è svolta a Garbina, su un terreno ceduto a uso gratuito dalla Municipalità all’associazione e riservato alla realizzazione del progetto “Ecosfera Parenzo”. I 12 partecipanti, tra cui 3 bambini, hanno percorso la superficie agricola rilevando, con l’aiuto degli esperti, le piante aromatiche selvatiche, l’edera e pulendo l’area, riservata ai seminativi ecologici sperimentali e che quindi diventerà una specie di laboratorio educativo a cielo aperto.

Ulteriori iniziative di sistemazione dell’Eco oasi sono in corso e prevedono l’installazione di una recinzione, l’accesso alla rete idrica, la pulizia del boschetto, l’installazione delle panchine e l’acquisto di cuscini e di una casetta a uso magazzino. La prossima iniziativa all’Eco oasi si svolgerà il 24 aprile. Per maggiori informazioni sull’attività di BioIstra, si può visitare il sito Internet www.bioistra.hr.

Facebook Commenti