Maurizio Tremul con i vertici di Pisino

Nel corso dell’incontro è stata ventilata la possibilità d’istituire un gruppo d’asilo in lingua italiana

Maurizio Tremul, Suzana Jašić e Gracijela Paulović

Il sindaco di Pisino, Suzana Jašić, unitamente ai collaboratori, ha incontrato in Municipio il presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul e la presidente della locale Comunità degli Italiani, Gracijela Paulović.

 

Nel ringraziare la Città per la fattiva collaborazione con il locale sodalizio, Tremul ne ha auspicato un ulteriore rafforzamento, che si potrebbe leggere, per esempio nell’apertura di un gruppo d’asilo in lingua italiana, nel caso i genitori dovessero manifestarne l’interesse. Un altro passo importante dovrebbe essere quello del mantenimento della storia identitaria nel luogo con un lapidario nel cimitero locale e con la tutela dei monumenti alle vittime della Seconda guerra mondiale.

Il riconoscimento dell’UI alla Città di Pisino

Nel corso dell’incontro, Radenko Sloković, della Commissione culturale, ha illustrato agli ospiti la ricca storia di Villa Baxa, che sorge in quel di Lindaro e nella quale visse e operò pure Carlo Baxa. Il suo lascito ha avuto peso nella crescita dell’area. In Municipio si è parlato pure di altri temi di carattere culturale, che aprono a una possibile collaborazione, considerata l’attività di molti italiani che hanno lasciato una chiara impronta nella storia cittadina, come per esempio la famiglia Solari, noti produttori di orologi e Nerena Feresini, che nelle sue opere ha scritto di Pisino.

La Città ha espresso il desiderio di proseguire sul percorso della collaborazione e dello sviluppo di progetti futuri, volti al mantenimento del patrimonio e dell’identità locale. Che la collaborazione sia già a buoni livelli lo prova il Ringraziamento che, nel 30.esimo dell’UI, Maurizio Tremul ha consegnato alla Città di Pisino “per il prezioso contributo dato allo sviluppo crescita della Comunità Nazionale Italiana sul suo territorio d’insediamento storico”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.