Inaugurato l’asilo di Villa di Rovigno Paliaga: «Un sogno che si realizza»

L’edificio è venuto a costare oltre 11 milioni di kune, di cui 10 a carico della Città

Il cortile dell’istituzione prescolastica

Nell’ambito della celebrazione della Giornata della Città e della festa patronale di Sant’Eufemia, ieri mattina è stata inaugurata la nuova sede della sezione periferica di Villa di Rovigno dell’asilo d’infanzia “Neven” di Rovigno. Il progetto è stato realizzato con un investimento di oltre 11 milioni di kune, di cui 10 a carico della Città e uno stanziato dallo Stato. Il nuovo impianto dispone di una superficie utile di 650 metri quadrati e accoglie due sezioni d’asilo e una di nido. Dispone di una cucina ampia e moderna, di una sala polivalente e di tutti i servizi necessari.

Ad aprire la cerimonia sono stati i bambini dell’asilo, che hanno proposto delle simpatiche canzoncine, nonchè la direttrice dell’asilo rovignese, Sandra Orbanić, la quale ha salutato i presenti, ringraziando tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto. “La mia carriera di pedagogo è iniziata negli anni 90 proprio qui, a Villa di Rovigno – ha proseguito –. Ricordo che al mattino dovevamo per prima cosa accendere la stufa a legna per poterci riscaldare. Da allora sono cambiate tante cose. Oggi sono orgogliosa di poter ospitare il personale e i bambini in una struttura con i più elevati standard e sono felice di notare che tra i genitori ci sono quei bambini che un tempo si riscaldavano vicino alla stufa assieme a me. Penso che questo sia il messaggio più bello, ossia che i giovani sono rimasti a Villa di Rovigno, dove hanno creato le loro famiglie. L’abitato è in continua espansione e sono felice che l’asilo offra tutte le condizioni per le famiglie giovani con figli”.

Sandra Orbanić e Marko Paliaga

Una seconda casa per i bambini
Alla cerimonia è quindi intervenuto il sindaco di Rovigno, Marko Paliaga. “Quando ho iniziato il mio mandato – ha esordito – avevo in mente una serie di progetti e idee ambiziose, tra le cui la costruzione di un asilo per tutti i bambini di Villa di Rovigno, secondo i più elevati standard pedagogici. Volevamo rendere la vita di tutti i giorni più facile ai genitori, che dovevano recarsi in città per portare i propri figli all’asilo. Oggi abbiamo realizzato quell’idea. Ho avuto l’onore di vedere i primi bambini entrare in questo nuovo edificio, che sarà la loro seconda casa. Ecco perché abbiamo cercato di renderlo il più bello, creativo, colorato e attraente possibile. Con il suo aspetto, le decorazione e le attrezzature, questa struttura è in grado di offrire a tutti i bambini un soggiorno piacevole, spensierato e felice.
Questo è un giorno importante per tutti noi. Grazie ai numerosi e continui investimenti, oggi possiamo affermare con soddisfazione di aver creato ambienti che possono accogliere tutti i bambini del territorio, confermando che la Città si prende cura di tutti i suoi abitanti, dai più piccoli ai più grandi.

L’inizio di quest’anno pedagogico porta con sé numerose sfide sia per i bambini che per i genitori, gli educatori e tutto il personale, che devono adattarsi nel modo più efficace possibile alla nuova situazione e alle misure prescritte per prevenire i contagi da Covid-19”, ha concluso il sindaco esprimendo pieno appoggio alle scuole e agli asili.

Infine, ha ringraziato ancora una volta i genitori dei bambini per la pazienza e comprensione, nonché tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo importante progetto. Un ringraziamento particolare è andato all’Ufficio di Stato per la demografia e la gioventù, per aver riconosciuto l’importanza di questo progetto e averlo sostenuto finanziariamente.

Prendendo la parola, Domagoj Novosel, dell’Ufficio di Stato per la demografia e la gioventù, ha ricordato che dal 2018 sono stati firmati 250 contratti per la costruzione o il rinnovo degli asili d’infanzia in tutta la Croazia, di cui 21 nella Regione istriana. “Siamo convinti che gli asili siano una delle cose più importanti per la rivitalizzazione demografica della Croazia, perché agevolano la vita alle famiglie con figli – ha aggiunto –. Questo è uno degli asili più belli che ho avuto l’onore di visitare e sono certo che contribuirà all’ulteriore rivitalizzazione demografica della località”.

Il tutto si è concluso con la simbolica consegna delle chiavi ai bambini da parte della direttrice dell’asilo, del sindaco e di Domagoj Novosel, mentre la direttrice dell’asilo ha donato ai rappresentanti della Città e delle istituzioni presenti alla cerimonia dei simpatici disegni incorniciati realizzati dai bambini dell’asilo.

Facebook Commenti