Cicloturismo: uno sviluppo di qualità

Il competente assessorato regionale sta elaborando uno Studio per promuovere ulteriormente questa specifica offerta

Il recinto sul ponte di Grisignana

Il cicloturismo è di casa in Istria già da diverso tempo. I percorsi, spesso tematici, contribuiscono a prolungare la stagione turistica, attirando un gran numero di ospiti che desiderano scoprire le bellezze dell’Istria su due ruote . Per promuovere ulteriormente il settore, l’assessorato regionale al Turismo sta elaborando uno Studio sulla gestione di uno sviluppo qualitativo del cicloturismo.

 

Lo Studio andrà a completare il Piano operativo di sviluppo del cicloturistico della Regione istriana, predisposto nel 2019. “Con ciò intendiamo ottenere le informazioni di cui abbiamo bisogno per una gestione ottimale di questo specifica offerta turistica. Vogliamo capire quali sono le specifiche necessità degli ospiti, ma anche di coloro che forniscono il servizio e quali sono i contenuti mancanti”, spiega l’assessore regionale al Turismo Nada Prodan Mraković.

L’obiettivo principale sta nell’individuare un modello utile alla gestione della qualità dell’offerta. Nello specifico, s’intende comprendere le esigenze e scoprire il grado di soddisfazione dei turisti su due ruote. Si ascolteranno anche le opinioni degli operatori turistici in merito alle opportunità di sviluppo del prodotto. Questi dati serviranno poi a valutare l’impatto del cicloturistico sulle altre attività economiche e sulla stessa comunità.

Lo studio viene elaborato dall’Istituto per l’agricoltura e il turismo di Parenzo con il supporto finanziario del Fondo per lo sviluppo del turismo del competente Ministero, che ha stanziato all’uopo 150mila kune delle necessarie 187.500. Il documento dovrebbe essere completato entro giugno.
Il cicloturismo consente di esplorare le bellezze della penisola altrimenti difficilmente raggiungibili, generando però, con la bella stagione, dei problemi in termini di sicurezza stradale, a cui si è tentato di ovviare con un volantino con tutte le indicazioni per una maggiore sicurezza del ciclismo su strada. A disposizione dei cicloturisti pure vario materiale informativo sugli alloggi in grado di soddisfare le loro esigenze, gli appartamenti e le case incluse nell’Istria Bike&Bed, le strutture a conduzione familiare dell’Istria Boutique Bike Hotels e gli alloggi alberghieri inseriti nell’Istria Bike Hotels. Considerata l’importanza strategica del cicloturismo in Istria, nell’ambito dell’Agenzia regionale per lo sviluppo turistico opera pure lo scomparto Bike&Outdoor, il cui compito è coordinarne lo sviluppo in ambito regionale.

Il belvedere a Bercaz

La Parenzana
Parlando di cicloturismo non si può non considerare il percorso della Parenzana, in cui nell’ultimo quinquennio sono stati investiti 3.388.000 kune, di provenienza per lo più regionale, delle unità d’autogoverno locale e del Ministero del Turismo. Lo scorso anno, per esempio, è stato costruito il belvedere a Bercaz (Brkač) e sono state posizionate delle recinzioni lignee protettive sul ponte di Grisignana e sul cavalcavia di Perelici, per una maggiore sicurezza dei ciclisti e dei pedoni. Si è provveduto pure alla manutenzione dell’illuminazione del tunnel di Calcini e del percorso in generale. In collaborazione con l’Ente forestale “Hrvatske šume”, si sono piantati degli alberi nelle aree di sosta di Bercaz e di Raccotole, mentre verso la fine dell’anno sono stati lanciati dei video promozionali.
Nel 2021 si punterà alla manutenzione della cinquantina di canali di scolo delle acque piovane, si provvederà alla regolare falciatura dell’erba e alla manutenzione di tutto quanto è stato realizzato finora (segnaletica, tabelle informative, belvedere, ecc.). Si continuerà inoltre con la campagna promozionale sulle reti sociali e con la realizzazione di altri video promozionali, incentrati sulla gastronomia e i contenuti culturali. Tutte attività che dovrebbero ulteriormente promuovere il percorso dell’ex ferrovia a scartamento ridotto, che negli ultimi tre anni ha attirato più di 260mila visitatori.

Facebook Commenti