Rette invariate per gli asili cittadini

La Città di Fiume non intende procedere con aumenti dei prezzi

0
Rette invariate per gli asili cittadini
Foto: ŽELJKO JERNEIĆ

Il carovita galoppante degli ultimi mesi, il passaggio all’euro e tutta una serie di aumenti dei prezzi delle fonti di energia hanno suscitato non poca perplessità e timore nei genitori i cui figli frequentano le istituzioni prescolari e le scuole elementari cittadine. La preoccupazione riguarda eventuali aumenti della retta dell’asilo, comprendente soggiorno, programma educativo e pasti, nonché le spese della merenda, pasti, doposcuola o didattica a tempo pieno nelle scuole elementari.
Abbiamo interpellato il fondatore delle istituzioni, ovvero la Città di Fiume e i dipartimenti inclusi nel processo educativo-istruttivo.
Da quanto fattoci sapere, tramite un comunicato, la città di Fiume non ha intenzione, per ora, di aumentare la retta degli asili e qualora le istituzioni prescolari esigessero una correzione, la proposta verrà considerata congiuntamente.
Per quanto riguarda i pasti, gli utenti dei servizi degli istituti prescolari coprono la spesa dei pasti per i bambini, che è compresa nell’importo di partecipazione stabilito in base al programma. L’importo della partecipazione dei genitori non è cambiato dal 2008 e varia da 550 kune a un massimo di 720 kune, a seconda del reddito familiare. Nell’ambito del programma sociale, la città si prende carico interamente o in parte dei costi e dei servizi del soggiorno di un bambino all’asilo, in conformità con gli standard stabiliti.
Per quanto riguarda le scuole elementari, il capoluogo quarnerino è fondatore di 23 istituzioni e due istituti educativo-istruttivi per alunni con difficoltà nello sviluppo in cui vengono organizzati i pasti per i ragazzi. Tuttavia, sono i Consigli scolastici a decidere il prezzo di ogni singolo pasto che varia da scuola a scuola e il fondatore non ha nessuna influenza sulla decisione. Sempre tramite il programma sociale, la Città copre interamente la spesa della merenda per gli alunni dalla prima all’ottava classe, mentre per i fruitori del doposcuola e della scuola a tempo pieno, precisamente dalla prima alla quarta classe, pure quello del pranzo e della colazione pomeridiana.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display