Vienna non vuole la Croazia in Schengen

0
Vienna non vuole la Croazia in Schengen
Un valico di confine tra Croazia e Slovenia sul territorio istriano. Foto: EXPA/ Sebastian Pucher

Il ministro dell’Interno austriaco Gerhard Karner ha dichiarato al quotidiano locale “Kurier” che l’Austria è contraria all’ingresso di Croazia, Bulgaria e Romania nell’area Schengen e all’abolizione dei controlli alle frontiere dell’Unione europea.
Vienna ritiene che non sia il momento di votare sull’allargamento, quando il sistema di frontiere esterne dell’Ue non funziona”, ha affermato Karner. “Non ha senso espandere un sistema rotto perché non potrebbe funzionare. La situazione in Europa mostra chiaramente che la protezione delle frontiere esterne è fallita”.
Il ministro dell’Interno austriaco ha affermato che l’Austria sta attualmente affrontando un aumento dell’afflusso di rifugiati, che lungo la cosiddetta rotta balcanica attraversano altri Stati membri dell’Ue ed entrano in Austria senza ostacoli. “Dall’inizio di quest’anno, 90.000 persone sono entrate in Austria, di cui 75.000 non erano precedentemente registrate in nessuno degli Stati membri dell’Ue attraverso i quali sono transitate”, ha osservato Karner.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display