Fino a 26.000 euro per gli immigrati che decidono di tornare in Croazia

Foto Slavko Midzor/PIXSELL

Duecentomila kune (26mila euro circa) per gli immigrati che vogliono tornare in Croazia e avviare una propria attività. Questa la mossa del governo croato per migliorare la situazione demografica e per rilanciare l’economia. Si chiama “Scelgo la Croazia” (Biram Hrvatsku), l’iniziativa dell’Esecutivo che è stata annunciata dal premier Andrej Plenković e che dovrebbe essere presentata giovedì 23 dicembre nel corso della sessione del governo. Secondo fonti ufficiose, tutti coloro che negli ultimi anni hanno deciso di cercare fortuna in qualche altro Stato Ue e che decideranno di tornare in patria, Zagabria offrirà un incentivo per l’autoimpiego nell’importo di 150.000 kune (20mila euro) e ulteriori 50.000 kune (6.600 euro) per il solo rientro. Poi è prevista anche una misura per la migrazione all’interno dei confini nazionali: per trasferire la propria attività da una regione più sviluppata in una zona dove gli indici economici sono scarsi, il governo offrirà, oltre alle 150mila kune per il lavoro autonomo, 25.000 kune (3.300 euro circa) aggiuntive.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.