Istria e Covid, reazione istantanea della task force

Dino Kozlevac, responsabile dell'Unità di crisi della Protezione civile istriana. Foto Srecko Niketic/PIXSELL

Il comando della Protezione civile della Regione istriana dopo i numeri odierni inerenti all’emergenza sanitaria, ribadisce la raccomandazione in base a cui, a causa del crescente numero di nuovi contagi nell’ultimo periodo provenienti dalle categorie di imprenditori, studenti e alunni al ritorno da viaggi o da scuola, invita alla necessità di applicare tutte le misure preventive durante il viaggio di rientro e dopo l’arrivo nella penisola.
Il riferimento riguarda a evitare l’uso del trasporto pubblico quando si ha il sospetto di essere contagiati, limitando i contatti nei trasporti e altri contatti dopo l’arrivo, l’uso di dispositivi per la protezione personale e la segnalazione ai servizi sanitari.
Inoltre, si invita tutto il personale dell’impiego pubblico, in particolare gli operatori sanitari, ritenuta la parte più importante del sistema nella lotta contro il Covid-19, a prendersi cura delle modalità di comportamento nelle ore extra-lavorative, a non prendere contatti rischiosi e a non partecipare a raduni, indipendentemente dalla ragione, al fine di impedire l’ingresso del virus nei sistemi e, quindi, garantire prestazioni fluide dell’attività primaria, ha riferito il responsabile della task force istriana, Dino Kozlevac.

Facebook Commenti