Il Gay Pride di Zagabria: non sono mancati gli incidenti

Il ventesimo Gay Pride svoltosi sabato pomeriggio a Zagabria, che stava trascorrendo tranquillamente e ordinatamente, purtroppo non è filato via liscio: si segnalano incidenti e provocazioni varie di teppisti e omofobi. Sono quattro le azioni di polizia intraprese durante le quali sette persone sono state fermate per indagini, mentre almeno sei di loro sono tuttora ricercate. In primo luogo, due minorenni in piazza Ban Josip Jelačić hanno espresso atteggiamenti inappropriati nei confronti del corteo con messaggi raffigurati sulle loro magliette. Quei messaggi sono stati il ​​grilletto per far scattare la polizia e per arrestarli.
In serata quattro uomini finora sconosciuti hanno mostrato la loro vigliaccheria attaccando una ragazza 18.enne che portava una bandiera arcobaleno. Le si sono avvicinati e con l’asta della bandiera hanno colpito la ragazza a una mano. I quattro si sono dati alla fuga, ma
la giovane ha provveduto a sporgere denuncia.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.