Donna entra nell’ufficio postale: «Ho il coronavirus». Ma è un errore

L'attesa davanti a un ufficio postale di Zagabria. Foto Nikola Cutuk/PIXSELL

Una donna entra in un ufficio postale per usufruire del servizio fax e mandare alcuni documenti. Una volta pagato il conto, annuncia di essere contagiata con il coronavirus. Apriti cielo! Il panico entra nell’ufficio postale, e le addette allo sportello chiamano subito la Polizia, che effettuano i controlli del caso e confermano che la signora ha contrato il Covid-19, come pure tutti i suoi membri della famiglia. È successo martedì 7 aprile in un ufficio postale di Zagabria, che è stato chiuso per essere disinfettato, mentre le impiegate e le persone che si trovavano all’interno sono state messe in autoisolamento.
Del caso si è parlato al consueto punto stampa del Comando generale della Protezione civile. “È in corso un’indagine per appurare tutti i fatti – ha dichiarato il ministro dell’Interno, Davor Božinović -. Comunque sia, si tratta di un episodio increscioso e preoccupante. Però, la polizia ha l’obbligo di effettuare l’indagine per poi poter procedere con una eventuale denuncia”.
La smentita
Ma nel pomeriggio di oggi è arrivata la smentita della polizia. Infatti, allo sportello si è presentata una vicina di casa di una famiglia i cui membri sono stati contagiati dal coronavirus. La donna ha avvertito l’impiegata che stava spedendo per fax dei documenti di alcune persone contagiate, ma l’impiegata ha travisato le parole e ha fatto scattare inutilmente l’allarme. La polizia ha anche aggiunto che i membri della famiglia aiutati dalla loro vicina, sono tutti a casa e in autoisolamento, nonché rispettano tutte le misure imposte alle persone che hanno contratto il Covid-19.

Facebook Commenti