Croazia. Migliaia di turisti britannici in arrivo

Un velivolo della Jet2

Migliaia di britannici starebbero per arrivare in Croazia dopo che il premier Boris Johnson ha deciso che dal 19 luglio non sarà richiesto più un periodo di isolamento ai cittadini della Gran Bretagna che rientrano dai viaggi all’estero. La decisione presa dal primo ministro britannico Johnson ha fatto scattare subito la reazione positiva dei vertici di British Airways, EasyJet e Jet2. Il booking è aumentato e vengono introdotti numerosi collegamenti con decine di Paesi, tra cui la Croazia. Jet2, terza compagnia aerea di linea più grande del Regno Unito che offre tariffe a basso costo, entro la fine di luglio attiverà ben 9 collegamenti con gli aeroporti croati. Nell’arco di pochi giorni i biglietti per diversi voli sono andati praticamente a ruba a conferma di quanta sia la voglia di viaggiare da parte dei britannici. E tra le mete preferite figurano anche quelle croate. A partire dal 22 luglio ci saranno due voli diretti tra Londra e l’aeroporto di Spalato come pure da Manchester allo scalo dalmata. Successivamente si avranno linee aeree tra Leeds e Spalato nonché tra East Midlands, Birmingham ed Edimburgo e la città di San Doimo. Sono previsti altresì 3 collegamenti tra Birmingham, Londra e Manchester e l’aeroporto di Dubrovnik (Ragusa) che avverranno due volte la settimana a partire dal 25 luglio. Dalla compagnia Jet2 fanno sapere che il numero di voli diretti verso lo scalo raguseo potrebbe aumentare già il mese prossimo a patto, ovviamente, che la situazione epidemiologica sia favorevole in entrambi i Paesi. Stando a quanto annunciato dalla Jet2 circa 8.700 britannici potrebbero arrivare in Croazia nel prossimo periodo. Tanti sono infatti i biglietti messi in vendita per le destinazioni croate. I voli verranno espletati da aerei tipo B737-800 che possono trasportare 189 passeggeri.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.