Croazia. Dopo Pasqua vaccinazione di massa

Foto: Sanjin Strukic/PIXSELL

L’ancora di salvezza contro la pandemia, ovviamente, è rappresentata dal prosieguo in grande stile della campagna vaccinale. Dopo Pasqua, come ha sottolineato il direttore dell’Istituto nazionale per la salute pubblica Krunoslav Capak, dovrebbe avere inizio la vaccinazione di massa. Già in concomitanza con il Venerdì santo dovrebbero arrivare 10mila dosi di AstraZeneca, si è in attesa anche di 34mila dosi del siero Pfizer, mentre il preparato di Moderna giunge ogni due settimane.
Va sottolineato in questo contesto che al summit virtuale dei leader dei Paesi dell’Unione europea il premier Andrej Plenković ha chiesto che la Croazia ottenga maggiori dosi del siero della Pfizer per compensare la mancanza di vaccini dovuta al ritardo nelle consegne da parte di AstraZeneca. Infatti, i Paesi che hanno fatto affidamento in particolare sul siero anglo-svedese, tra cui la Croazia, in questo momento si ritrovano a mani vuote o quasi, in quanto hanno rinunciato a suo tempo a ordinare i preparati di altri produttori. Ebbene i 10 milioni di dosi del vaccino Pfizer che verranno immessi sul mercato nel secondo trimestre dell’anno, se ripartiti equamente in base alla popolazione di ogni singolo Stato, potrebbero riequilibrare la situazione.

Facebook Commenti