Jgl. Usmiani: Vaccino antiCovid? Il know how c’è, manca solo la licenza»

Lo stabilimento Jgl a Svilno, alle spalle di Fiume

L’imprenditore di Fiume Ivo Usmiani è rimasto modesto e discreto nonostante i successi della Jadran Galenski Laboratorij (Jgl) di cui è proprietario. Il 67.enne ha costruito il suo impero imprenditoriale sulle fondamenta dei laboratori per la produzione e il controllo dei preparati principali e galenici della Farmacia “Jadran” di Fiume, quando ha fondato la Jgl, come prima ayienda farmaceutica in Croazia per lo sviluppo e la produzione di preparati farmaceutici e cosmetici. Nel primo anno della sua esistenza, nel 1991, Jgl ha generato un fatturato di 1,5 milioni di kune. Oggi, 30 anni dopo, Jgl è una casa farmaceutica in rapida crescita con una costante espansione su nuovi mercati e nuovi prodotti, che lo scorso anno ha superato il miliardo di kune di ricavi totali, rendendola la più grande azienda farmaceutica croata di proprietà nazionale.
E ora potrebbe arrivare una nuova consacrayione. Usmiani, infatti, si è detto sicuro del fatto che la Jgl possa produrre vaccini antiCovid. “Manca solo la licenza… Abbiamo una produzione sterile e potremmo iniziare rapidamente a produrre un vaccino, vettore o mRNA, ma solo a condizione di ottenere la licenza da un produttore di vaccini. Abbiamo il know how nella produzione di forme farmaceutiche sterili, nonché la piattaforma tecnologica per questo.
A Fiume, abbiamo anche un Centro scientifico d’eccellenza con una dozzina di immunologi virali di qualità e biotecnologi molecolari riuniti attorno al professor Stipan Jonjić, che si occupa di vaccini vettoriali, e con cui collaboriamo e con cui potremmo realizzare forti sinergie”.

Facebook Commenti