Covid. Ressa al Palasport di Zara: sanzioni agli organizzatori

La festa al Palasport di Zara dopo la vittoria della squadra dalmata del titolo di campione di Croazia

Il ministro degli Interni Davor Božinović, al termine della riunione con il ministro degli Affari civili della Bosnia ed Erzegovina Ankica Gudeljević, ha sottolineato come la Croazia stipulerà accordi bilaterali riguardanti il riconoscimento del certificato digitale vaccinale. Ha aggiunto altresì come in Croazia, durante lo scorso fine settimana, siano arrivati circa 5mila vacanzieri stranieri in possesso del documento che attesta l’avvenuta immunizzazione. Božinović si è soffermato pure su quanto avvenuto, sempre durante lo scorso weekend, a Zara dove un ingente numero di tifosi ha assistito alla finale del Campionato croato di basket tra Zadar e Split con i padroni di casa che dopo 13 anni hanno conquistato il titolo di campioni nazionali. “Il Palasport Višnjik era gremito di gente. Le foto dell’evento con un così grande assembramento di persone in uno spazio chiuso possono arrivare nei Paesi occidentali da dove giunge un gran numero di vacanzieri. Si lanciano così messaggi per niente positivi. I turisti scelgono destinazioni sicure. Sappiamo tutti quanto sia importante il turismo per la Croazia”, ha detto il ministro facendo sapere che gli organizzatori della partita verranno puniti per non aver rispettato le misure antiCovid.

Facebook Commenti