Fiume Cec 2020. Lavori ancora in alto mare davanti al Teatro «Ivan de Zajc»

Il gazebo allestito davanti al teatro in attesa del "ritorno" della fontana di Džamonja

Ci stiamo avvicinando a grandi passi a sabato, primo febbraio, quando si terrà l’inaugurazione ufficiale di Fiume Capitale europea della Cultura 2020. La cerimonia protocollare si svolgerà al Teatro “Ivan de Zajc” dove sono attesi il Presidente della Repubblica Kolinda Grabar Kitarović, il premier Andrej Plenković, esponenti dell’Unione europea, i ministri della cultura dei Paesi Ue, rappresentanti delle x e delle future Capitali europee della Cultura, il corpo diplomatico accreditato in Croazia, autorità regionali e cittadine nonché altre personalità. Ma la domanda che sorge spontanee in questi giorni è la seguente: Riusciranno le maestranze dell’impresa Gradina di Cosina (Slovenia) a portare a termine i lavori di riassetto della piazza davanti al teatro? Oppure ad accogliere i vari ospiti ci sarà un cantiere con tanto materiale edile? I cittadini hanno qualche dubbio sulla conclusione degli interventi mentre il sindaco Vojko Obersnel ha dichiarato che entro sabato, primo febbraio, davanti al teatro verrà ricollocata la fontana di Džamonja completamente smantellata per potere sostituire la pavimentazione che la circonda. „Il cantiere davanti al teatro verrà chiuso entro il primo febbraio. Il pavimento sarà sistemato ma non so se si riuscirà a realizzare la posa delle lastre in pietra“, ha detto Obersnel. Non ci resta che attendere la giornata di sabato per vedere se il primo cittadino avrà ragione.

Facebook Commenti