Cts: espulsi 5 membri, anzi no. È polemica

Una delle recenti riunioni del Comitato tecnico scientifico (Cts) del governo

Andreja Ambriović Ristov, Nenad Ban, Petar Klepac, Branko Kolarić e Igor Rudan domenica 6 dicembre, hanno firmato un appello assieme ad altri 21 scienziati croati operanti sia sul territorio nazionale che all’estero, nel quale hanno invitato il governo a prendere misure più serie e a informare l’opinione pubblica in modo più trasparente sull’emergenza sanitaria. Il giorno dopo i suddetti cinque scienziati sono stati espulsi dal Comitato tecnico-scientifico (Cts) del’Esecutivo, nonostante l’Ufficio del premier abbia smentito la notizia, con il responsabile dell’Ufficio stesso, Zvonimir Frka-Petešić, che ha scritto: “La fiducia reciproca è venuta meno e questo tipo di collaborazione non ha più alcun senso”.
Nenad Ban conferma di aver ricevuto la telefonata del responsabile dell’Ufficio del premier in cui “mi ha ringraziato per la collaborazione. Poi sono stato contatto dai giornalisti ai quali ho confermato di non fare più parte del Cts. Infine, è arrivato il comunicato di smentita dell’Esecutivo. Sinceramente, non so più cosa pensare, ossia non capisco se sono ancora membro del Cts o se sono stato espulso dall’organismo stesso”.
Anche Andreja Ambriović Ristov ribadisce che “prima mi chiama il responsabile dell’Ufficio del premier e mi comunica che la collaborazione non ha più senso dopo la mia firma sull’appello, poi arriva un comunicato dal cui contenuto non riesco a capire la posizione del governo”.
Igor Štagljar, biologo molecolare croato-canadese, parlando per la tv all news N1, ha spiegato di essersi sentito con tre dei cinque scienziati epurati dal Cts. “Tutti mi hanno confermato di essere stati contatti da Zvonimir Frka-Petešić, che li ha informati di essere stati espulsi da Comitato tecnico-scientifico. Perciò, non capisco questa decisione del governo: prima ha mandato via i cinque scienziati, poi ha cercato di smentire la notizia con un comunicato ambiguo”. Dello stesso parere anche il famoso scienziato Ivan Đikić: Il governo dovrebbe liberarsi dei membri del Cts che sono in palese conflitto d’interessi, invece di cacciare persone di grande valore morale e scientifico”.

Facebook Commenti