Tour, cadono in 50 a causa di una tifosa (video)

Si temevano il vento, la pioggia, le strade strette della Bretagna, il pavé e il nervosismo dei corridori. A rendere – purtroppo – memorabile la prima tappa del 108.esimo Tour de France, da Brest a Landerneau, è invece stato un cartello (“Allez Opi Omi” grossomodo “Forza nonno e nonna”) esposto in favore di telecamere da una giovane (e sconsiderata) tifosa sulla Cote de Saint-Rivoal, a 47 chilometri dall’arrivo.
Quando il gruppo era quasi arrivato in cima alla salita, contro il cartello (e la ragazza) è finito il tedesco Tony Martin, gregario di lusso della Jumbo Visma. In una strada strettissima, il suo salto mortale in avanti ha innescato un terribile effetto domino: almeno 50 corridori sono finiti a terra, alcune bici si sono spezzate, il gruppo si è sbriciolato, diversi big (Van Aert, Sagan, Alaphilippe) sono rimasti completamente soli.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.