Sette tappe per conoscere il progetto culturale europeo

Si è tenuta sabato scorso la prima passeggiata tematica «Sulle orme di Fiume CEC» organizzata dall’Associazione delle guide turistiche del Quarnero

La galleria della Pescheria offre una vista meravigliosa

Nonostante l’irrigidimento delle misure antipandemiche che ha portato alla chiusura di musei, gallerie, teatri e cinema nella Regione litoraneo-montana, sono stati comunque avviati alcuni eventi all’aperto nell’ambito del programma di chiusura del progetto Fiume Capitale europea della Cultura. Lo scorso sabato, infatti, si sono svolte quattro passeggiate tematiche lungo i siti più importanti della città, di cui quella intitolata “Sulle orme di Fiume CEC”, organizzata dall’Associazione delle guide turistiche del Quarnero, che ha portato i visitatori (nove persone più la guida turistica, secondo le nuove disposizioni antipandemiche) nel centro stretto della città dove hanno potuto conoscere i numerosi programmi e le direttrici programmatiche che hanno segnato il progetto culturale europeo a Fiume.

Il gruppo si è dato appuntamento sul Molo longo

Un accento sull’Opera industriale
Dopo essersi riunito alla radice del Molo longo, il gruppo di cittadini ha percorso la riva ascoltando la storia delle direttrici programmatiche del progetto CEC, con un accento particolare sul giorno in cui si è svolta la cerimonia d’inaugurazione del progetto e l’Opera industriale, che ha avuto luogo proprio nel Porto di Fiume. La passeggiata è proseguita verso i mercati cittadini e la Pescheria, dove al primo piano è collocata l’installazione artistica permanente “I maestri” (Meštri) dell’artista ceco Pavel Mrkus, nata nell’ambito del programma Lungomare Art.

Il gruppo ha quindi proseguito verso la sede del Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc” dove, oltre che della storia del Teatro, si è parlato dei dipinti giovanili di Gustav Klimt (nonché di suo fratello Ernst e dell’amico Franz Matsch, nda) che decorano il soffitto del Teatro e della mostra “Il Klimt sconosciuto: amore, morte, estasi” che verrà inaugurata il 20 aprile al Palazzo dell’ex Zuccherificio, ovvero nella nuova sede del Museo civico.

La tappa ai mercati cittadini…

Iniziative civili e Onda verde
Nel corso della visita guidata si è parlato anche dell’Export e dei numerosi programmi che vi sono stati organizzati nell’ambito del progetto Fiume CEC, dopodiché si è proseguito verso il parco pop-up nel parcheggio in Delta, dove si è accennato al programma Rijeka murala (Fiume di murali) e oltre il ponte dei Difensori croati, dove i visitatori hanno potuto apprendere di più sulla direttrice programmatica L’epoca del potere e sull’opera di restauro della nave Galeb.

La seguente tappa è stata la Cittavecchia, più precisamente piazza Santa Barbara, dove sono stati illustrati il programma Onda verde e le Iniziative civili, mentre l’ultima ha toccato via della Ruota, dove sono stati presentati i dipinti murali e il mosaico Nautilus che decora un lato del palazzo dell’Erste Bank.
La visita guidata “Sulle orme di Fiume CEC” sarà riproposta in altre tre date – il 10, 17 e il 24 aprile -, ovvero ogni sabato in due orari, alle 10 e alle 11.30. A causa delle misure antipandemiche, a una visita possono prendere parte al massimo nove persone (più la guida), mentre tutti gli interessati sono tenuti a prenotarsi all’indirizzo elettronico [email protected]

…e quella dinanzi al TNC “Ivan de Zajc”

Facebook Commenti