«L’isola è fatta dalle persone» riscopre Cherso

Mostre e altre iniziative nell’ambito dell’indirizzo programmatico 27 vicinati di Fiume CEC 2020

Allo scopo di riscoprire e valorizzare la città di Cherso saranno avviate delle iniziative di vario carattere culturale volte a sottolineare la storia e la cultura di quest’antico centro urbano. Il tutto rientra nel contesto di Fiume Capitale europea della Cultura 2020, indirizzo programmatico 27 vicinati.
La presentazione degli eventi avrà luogo oggi alle ore 15 nella sede della Comunità degli Italiani di Cherso dove, online, saranno accolti pure gli ospiti svedesi, ossia il collettivo DIS/ORDER. Sempre nell’ambito di tale programma – in cooperazione con EU Japan Fest – è già stata stabilita una collaborazione con gli architetti Hideyuki Nakayama e Tetsu Kondo, autori del progetto del ponte pedonale che dovrebbe essere costruito nell’area del porto. Ebbene, le soluzioni dei due architetti erano state esposte alla Comunità degi Italiani, già l’anno scorso.

Il progetto di valorizzazione avrà inizio alle 16 con una passeggiata nel centro sotrico, cui seguirà la mostra “Il bucato del nostro quotidiano” dovuta all’Associazione Ruta, quindi alle 17,45 “L’isola è fatta di persone” mostra di ritratti degli abitanti di Cherso. Si concluderà, sempre nel centro storico, con il Cres jazz eseguito da Filip Flego e con la degustazione di biscotti locali..


La mostra fotografica “L’isola è fatta dalle persone” si articolerà tra i vari vicoli cittadini e metterà in visione foto e ritratti di vecchi album dei cittadini locali, testimoni del tempo e della storia locale, che saranno esposte nelle stradine del centro di Cherso, dove risuoneranno le canzoni tradizionali, eseguite dalla klapa Teha.

L’altra esposizione, “Il bucato quotidiano”, realizzata dall’associazione Ruta, è intesa a testimoniare la quotidianità nelle strade tramite la biancheria. Biancheria bianca, lenzuola, catene, buste, tovaglie saranno appese per le stradine, alle finestre, onde evocare la vita popolare di Cherso.

Facebook Commenti