Fiume Cec 2020. Ottimi gli affari per ristoratori e affittacamere

Un registratore di cassa fiscale in un bar. Foto: Hrvoje Jelavic/PIXSELL

Sabato, primo febbraio, giorno in cui Fiume è divenuta ufficialmente Capitale europea della Cultura le entrate dei vari esercizi di ristorazione e degli affittacamere privati sono raddoppiate rispetto allo stesso giorno di un anno fa. Lo si evince dai dati resi noti dal ministero delle Finanze, ossia dall’Ufficio imposte. E non potrebbe essere diversamente vista la quantità di gente avutasi in centro città dove sono stati promossi tantissimi eventi. E poi i vari bar e locali del centro sono rimasti aperti tutta la notte. Stando ai dati dell’Ufficio imposte, il primo febbraio 2019 erano stati emessi 31.973 scontrini per un valore di circa 1,09 milioni di kune. Quest’anno, invece, sempre il primo febbraio (ma fino a mezzanotte), ne sono rilasciati 41.359 per un valore di 2,02 milioni di kune.

Facebook Commenti