Una collaborazione costante tra cinque Teatri della Croazia

Il Contratto è stato sottoscritto dai sovrintendenti dei TNC di Zagabria, Osijek, Fiume, Spalato e Varaždin

I firmatari del Contratto di collaborazione tra i TNC con il ministro Obuljen Koržinek

In presenza del ministro della Cultura e dei Media, Nina Obuljen Koržinek, è stato firmato nel Teatro Nazionale Croato di Varaždin, il Contratto di collaborazione costante tra i Teatri Nazionali Croati. A porre la propria firma sul documento sono stati i sovrintendenti di cinque Teatri croati tra cui quello di Zagabria, Osijek, Fiume, Spalato e Varaždin.

 

Progetti comuni
Il ministro ha dichiarato che i TNC, per adempiere a pieno alla loro funzione, devono collaborare più strettamente e con questo accordo si impegnano a realizzare progetti in comune e coproduzioni. Obuljen Koržinek ha aggiunto anche che la Croazia è uno dei pochi Paesi al mondo che è riuscito a mantenere aperte le proprie istituzioni culturali anche in periodo di pandemia. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza il coraggio e l’iniziativa di artisti e sovrintendenti.

“Speriamo che con i vaccini arrivino tempi migliori – ha dichiarato – e che di fronte a noi si trovi un periodo di normalità nella vita teatrale”. Il sovrintendente del TNC di Fiume, Marin Blažević, ha spiegato che “La decisione di stipulare questo accordo deriva dall’idea che se gli operatori sanitari hanno lottato con impegno per la nostra salute, quelli culturali non sono da meno e hanno lottato per la nostra salute spirituale”. La sovrintendente del TNC di Zagabria, Dubravka Vrgoč, ha detto che questo contratto è un documento “storico” e che il Covid-19 ha comunque portato anche dei cambiamenti positivi, come l’inizio di una vasta collaborazione per il bene degli artisti e del pubblico.

Consolidare i rapporti
Dražena Vrselja, sovrintendente del TNC di Osijek, ha aggiunto che uno degli interessi culturali strategici della Croazia è sempre stato il rafforzamento dei rapporti tra gli enti teatrali e che questo accordo non sarà solo una dichiarazione d’intenti, ma avrà un peso pratico e pragmatico. “Parliamo ormai da molti anni e collaboriamo da altrettanti, ma finalmente tutto il lavoro è stato messo sotto un bel cappello comune, un bell’ombrello sul cui manico ci possiamo tutti tenere”, ha dichiarato Srećko Šestan, sovrintendente del TNC di Spalato. A fare gli onori di casa è stata Jasna Jakovljević, sovrintendente del TNC di Varaždin, la quale ha spiegato che la collaborazione non si limiterà a uno scambio di progetti, ma a una serie di coproduzioni e “scambio di attori”. Finalmente anche il Teatro di Varaždin potrà essere alla pari degli altri Teatri Nazionali, visto che alla fine di settembre, con la conclusione dei lavori al palcoscenico, potrà portare in scena sia drammi, che spettacoli d’opera e balletto.

Facebook Commenti