Ritorna la Settimana del cinema italiano

Da oggi fino al 20 settembre terza edizione della manifestazione organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Lubiana e dalla Cineteca Nazionale Slovena

L’annuale Settimana del cinema italiano, organizzata a Lubiana dall’Istituto Italiano di Cultura e dalla Cineteca Nazionale Slovena, ritorna da oggi fino al 20 settembre per la sua terza edizione, slittata dall’abituale collocazione nel mese di maggio a causa del Covid-19. L’iniziativa mantiene il sottotitolo “Fare Cinema”, ricollegandosi all’omonima rassegna resa disponibile online in tutto il mondo lo scorso giugno dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano in partenariato con Rai Play, in collaborazione con il MIBAC – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, ANICA e Istituto Luce-Cinecittà.

Nella sala della Cineteca Nazionale Slovena, per cinque serate consecutive si avrà modo di seguire una selezione di opere recenti del cinema italiano, da autori quali Gabriele Salvatores e Paolo Virzì, insieme ad apprezzati esordi al lungometraggio di Rä di Martino e Andrea Magnani. È inoltre previsto un omaggio a Lina Wertmüller, nell’anno in cui è stata insignita del Premio Oscar alla carriera. Ospite d’onore della rassegna è il regista Andrea Magnani, che domani, giovedì, presenta il suo “Easy – Un viaggio facile facile” (2017); racconta la storia di Isidoro, detto Easy, 35 anni, molti chili di troppo e una forte depressione: vive con la madre e passa il tempo davanti alla Playstation. Improvvisamente, però, qualcosa cambia… Alla serata sarà presente pure l’autore della colonna sonora, Luca Ciut.

In occasione della serata inaugurale, oggi alle ore 20, verrà proiettato il film “Notti magiche” di Paolo Virzì (sottotitoli in sloveno), ambientato a Roma durante i Campionati mondiali di calcio del 1990. Venerdì sarà la volta di “Mimì metallurgico ferito nell’onore”, feroce commedia satirica di Lina Wertmüller (1972), in italiano con sottotitoli in sloveno e inglese. Sabato è in programma “Controfigura” di Rä di Martino (2017), in versione originale con sottotitoli in sloveno e inglese; racconta di una piccola troupe cinematografica vaga per Marrakech e il deserto circostante, alla ricerca di location per un rifacimento di un film statunitense. Ultimo appuntamento domenica, alle ore 17, con “Il ragazzo invisibile” di Gabriele Salvatores (2014), in italiano con sottotitoli in sloveno.

I biglietti sono in vendita presso la Cineteca Nazionale Slovena. In osservanza delle disposizioni sanitarie, sarà fatto rispettare il distanziamento tra gli spettatori.

Facebook Commenti