Parenzo. Alla scoperta della villa di Loron

Le visite guidate si sono tenute nell'ambito degli appuntamenti dedicati alla conoscenza della storia e del patrimonio storico e culturale del territorio

Gaetano Benčić fa da cicerone nella villa romana di Loron – Santa Marina

Seconda e ultima visita lo scorso fine settimana alla villa romana di Loron – Santa Marina e alla Basilica Eufrasiana, nell’ambito degli appuntamenti dedicati alla conoscenza della storia e del patrimonio storico e culturale di Parenzo e del Parentino, organizzati dalla CI di Parenzo, in accordo con i sodalizi del territorio. La programmazione è stata sostenuta dall’Unione Italiana e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale della Repubblica italiana, dalla Città di Parenzo e dai Comuni del comprensorio.

 

Venerdì pomeriggio uscita a Loron – Santa Marina e nella mattinata di sabato all’Eufrasiana. Guide d’eccezione, lo storico e archeologo Gaetano Benčić per le ville romane e lo storico dell’arte Marino Baldini per la Basilica Eufrasiana. Marino Baldini era tra coloro che avevano avviato le indagini all’area di Loron – Santa Marina mentre Gaetano Benčić le sta dirigendo attualmente. Baldini ha indagato l’area archeologica di Parenzo e studiato la storia della Basilica, Benčić sta gestendo attualmente le indagini archeologiche cittadine. Per cui sia alle ville romane sia alla Basilica, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di conoscere direttamente nozioni di prima mano e aneddoti vissuti durante i sondaggi archeologici.

Il Museo diocesano

La visita alle ville romane è stata anche un’occasione per fare una passeggiata in natura, quella alla Basilica un’opportunità per camminare nel nucleo storico parentino. Complessivamente, ha partecipato agli incontri (le uscite si sono avute già il 18 e il 22 giugno scorsi) un centinaio d’interessati; ai parentini si sono aggiunti connazionali, amici e studiosi di storia locale provenienti da Orsera, Visinada, Torre, Cittanova, Fiume, Tribano, Buie, Matterada, Giurizzani e Gambozzi.

Gli appuntamenti termineranno la prossima settimana. In agenda, la storia e la promozione dell’arte orologiaia della Valle Pesarina in Istria, fatta soprattutto di orologi da torre, da muro, da salotto, presenti tuttora in Istria e dovuti all’attività di tre dinastie orologiaie: Cappellari, Machin e Solari. Dopo il primo incontro, svoltosi all’estivo della CI “Dott. Silvio Fortuna” di Visignano lo scorso 21 giugno, il prossimo incontro si svolgerà ai piedi del campanile di Torre, presso la Chiesa di S. Martino, questa sera (ore 18). Domani il tema sarà riproposto nella piazza di Visinada, alle 19.30 e il giorno dopo presso il campanile di Orsera alle ore 20.

Facebook Commenti