Il ČAnsonfest diventa maggiorenne

S'inaugura oggi con una mostra la rassegna musicale in dialetto ciacavo che torna quest'anno ai livelli prepandemici in quanto a numero di artisti e pubblico. Seguirà domani un evento acustico-poetico. Tra i protagonisti della Serata delle nuove composizioni i connazionali Nevia Rigutto e Francesco Squarcia

0
Il ČAnsonfest diventa maggiorenne
Dean Jurčić, Saša Matovina, Sanjin Mandičić e Robert Krančić. Foto: RONI BRMALJ

L’Estate culturale di Castua (KKL) sta volgendo al termine e come ogni anno in chiusura della manifestazione c’è il ČAnsonfest, la gara canora in dialetto ciacavo. A presentare il programma di quest’anno sono stati il direttore e ideatore del Festival, Saša Matovina, il direttore artistico, Sanjin Mandičić, il vicesindaco di Castua, Dean Jurčić e il collaboratore, nonché responsabile del marketing, Robert Krančić.

A fare gli onori di casa è stato Dean Jurčić, il quale ha dato il benvenuto non soltanto agli organizzatori, ma anche a tutti i musicisti, artisti e spettatori che parteciperanno al Festival.

Una garanzia per il futuro
“Quello che mi affascina di più del ČAnsonfest è il fatto che il Festival abbia raggiunto la maggiore età – ha dichiarato -. Il fatto che per 18 anni il pubblico sia rimasto fedele agli autori della nostra Regione è una prova della qualità di questa rassegna e una garanzia per il futuro. Ricordo ancora il primo ČAnsonfest e le idee che erano alla base di quel primo Festival e sono contento che dal buon inizio i cantanti abbiano sostenuto l’iniziativa”.
A parlare dell’edizione di quest’anno è stato Saša Matovina, il quale ha messo il Festival nel più ampio contesto dell’Estate culturale di Castua. Il Festival si svolgerà, infatti, negli ultimi tre giorni della manifestazione, da oggi fino a venerdì 26 agosto.
“Quest’anno l’Estate culturale di Castua ha presentato 27 programmi per il pubblico, di cui 18 musicali e nove spettacoli – ha illustrato Matovina -. Sono state ottomila le persone che hanno assistito a questi incontri, nonostante la ricca offerta culturale, spesso gratuita, delle altre località. Ciò vuol dire che siamo finalmente tornati ai livelli prepandemici, il che mi rende particolarmente lieto”.

L’arte tra musica e pittura
Sanjin Mandičić, direttore artistico del Festival, ha dichiarato che nel programma di quest’anno ci sono diciassette canzoni e che sono due i debuttanti: Marjan Uljan-Malibu e Andrina Frleta. A condurre le serate sarà Irena Grdinić e anche quest’anno saranno quattro i premi in palio, tutti del valore di 1.500 kune, ovvero per il miglior testo, per la miglior canzone, per la migliore interpretazione e per il miglior cantautore. I biglietti sono in vendita al prezzo di 80 kune, mentre il giorno del concerto il prezzo salirà a 100 kune.
Mandičić e Matovina hanno aggiunto scherzosamente che anche se era stata annunciata la partecipazione di Dražen Turina-Šajeta, la sua l’esibizione è stata spostata all’anno prossimo dato che il cantante non ha presentato in tempo la sua canzone.
Ad accompagnare la parte musicale ci sarà la mostra “Brodovi su isti ka i judi” (Le navi sono uguali alle persone), che prende il titolo da un verso di Toma Bebić e viene organizzata dalla Galleria Brešan di Spalato. A esporre i propri quadri, con motivi legati alle imbarcazioni, saranno 22 artisti dalla Croazia e dall’estero.

Non mancano i connazionali
Matovina ha annunciato che oggi, alle ore 20, verrà inaugurata la mostra nei vani della Chiesa della Santa Trinità, mentre domani alle ore 21, in piazza Lokvina, si terrà la serata acustico-poetica “Na kastafskeh šternah” (Ai pozzi castuani) dedicata alla vincitrice dell’anno scorso, Emanuela Lazarić-Ella. Venerdì, 26 agosto, si terrà la Serata delle nuove composizioni nello spiazzo di fronte alla Crekvina (oppure, in caso di maltempo, nel palazzetto dello sport “Matija Katalinić” di Castua).
Chi non potrà partecipare personalmente alla serata potrà ascoltare l’evento in diretta sulle onde di Radio Fiume e Radio Pola.
Gli artisti che si esibiranno sono Duško Jeličić & Bonaca, Dino Antonić, Vivien Galletta, Francesco Squarcia, Marjan Uljan-Malibu, Ana Horvat, Davor Grgurić, Damir Vrbljanac, Karin Kuljanić, Hrvoje Hegedušić, Emanuela Lazarić-Ella (Terra Magica e Lovranske črešnjice), Davor Terzić, Igor Lesica, Andrina Frleta, Zemir Delić, Vlatko Filčić-File e Nevia Rigutto.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display