Apprezzare il bilinguismo mediante un quiz

La realizzazione del progetto è opera dei Dipartimenti di Germanistica, Italianistica, Croatistica e Anglistica della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Ateneo fiumano

0
Apprezzare il bilinguismo mediante un quiz

A Fiume è ben conosciuto il concetto di bilinguismo e la Comunità Nazionale Italiana è attiva nella tutela della ricchezza linguistica della città e nella valorizzazione di tutti gli idiomi, da quelli nazionali ai dialetti locali. Anche a livello europeo, però, il bilinguismo viene visto come un valore da tutelare e incoraggiare, in quanto la ricchezza linguistica è il prerequisito necessario alla coesione transfrontaliera. La sezione fiumana del Centro Bilingualism Matters dell’Università di Edimburgo, Bilingualism [email protected], la quale è attiva presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Fiume, realizza iniziative per aumentare la consapevolezza dell’importanza e dei benefici del bilinguismo, promuove metodi sempre nuovi di educazione al bilinguismo, ma si dedica anche una promozione più ampia del fenomeno in tutta la società.

 

Multilinguismo e lingue minoritarie

In occasione della Giornata Europea delle Lingue, celebrata il 26 settembre, è stato annunciato un quiz linguistico online in due versioni (quella semplice e quella più complessa) destinato a tutti gli interessati in materia, indipendentemente dal grado d’istruzione o da altre preferenze personali. Le domande si possono visualizzare visitando il link http://bmri.uniri.hr/ fino alla fine di ottobre. I temi trattati sono il fenomeno di multilinguismo, le lingue mondiali, il croato e i suoi dialetti, le lingue delle minoranze, le lingue artificiali e le lingue letterarie. Oltre che risolvere il quiz, i ragazzi delle scuole elementari e medie superiori possono svolgere un lavoro di ricerca e proporre delle domande linguistiche (accompagnate dalle rispettive risposte), con le quali arricchire le prossime versioni del quiz, che possono venire inviate all’indirizzo e-mail [email protected]

Una sezione fondata nel 2014

La direttrice del Bilingualism [email protected], professoressa Tihana Kraš, ha illustrato brevemente gli obiettivi del Centro e l’attività degli ultimi anni.

“Il Centro Bilingualism Matters è stato fondato nel 2008 presso l’Università di Edimburgo dalla professoressa Antonella Sorace – ha spiegato – la quale ha visitato pure Fiume nel 2012 per parlare di bilinguismo, nell’Aula consiliare del Municipio e nella Comunità degli Italiani, in una lezione intitolata ‘Una mente, due lingue, tanti vantaggi: perché il bilinguismo fa bene ai bambini’. Il Centro è stato fondato per diffondere le conoscenze scientifiche sul bilinguismo al di fuori dall’ambito scientifico, cioè tra il pubblico generale. Ha cominciato subito ad attecchire al di fuori di Edimburgo e del Regno Unito e in questo momento, oltre alla sede a Edimburgo, comprende ventisette sezioni su tre continenti (Europa, America del Nord e Asia). La sezione fiumana del Centro, Bilingualism [email protected], è stata fondata nel 2014, nell’ambito del progetto scientifico di ricerca dell’Unione Europea intitolato ‘Advancing the European Multilingual Experience (AThEME)’.

Il progetto è durato cinque anni e ha compreso una serie di ricerche sul multilinguismo, svolte da diverse prospettive, ad esempio quella linguistica, sociolinguistica, psicolinguistica e neurolinguistica. Hanno partecipato al progetto 17 partner di otto Paesi europei, tra cui la Facoltà di Lettere e Filosofia di Fiume, la quale è stata l’unico partner della Croazia. Nel progetto abbiamo puntato moltissimo alla popolarizzazione e alla divulgazione dei traguardi scientifici in materia. Il progetto si è concluso nel 2019, ma nel Bilingualism [email protected] abbiamo continuato a promuovere iniziative volte alla comprensione, alla promozione e alla tutela del multilinguismo anche dopo tale data, come testimonia il quiz linguistico menzionato”.

Tihana Kraš

Aspetto multidipartimentale

La sua realizzazione è opera delle docenti dell’Ateneo fiumano, Nataša Košuta del Dipartimento di Germanistica, che ha coordinato i lavori, Maja Đurđulov e Iva Peršić del Dipartimento di Italianistica, Sandra Jukić del Dipartimento di Croatistica e Tihana Kraš del Dipartimento di Anglistica, la direttrice del Centro.

Il quiz, pubblicato in questi giorni, non ha come scopo la raccolta di dati legati alla conoscenza delle lingue, ha aggiunto la docente, ma ha piuttosto un intento divulgativo e di popolarizzazione del fenomeno del multilinguismo: si vuole far capire a un grande numero di persone quali sono i vantaggi della conoscenza di più di una lingua.

Le domande sono di vario tipo e legate a diversi aspetti del multilinguismo. Ciascuna è seguita dalla risposta corretta, il che conferisce al quiz pure una dimensione istruttiva.

La versione breve contiene domande più semplici estrapolate da quella più lunga. Il quiz, pur non avendo una dimensione competitiva, può fungere da stimolo per l’organizzazione di gare nelle scuole, con gruppi di ragazzi che rispondono alle domande. A conclusione dell’esposizione, Tihana Kraš ha sottolineato l’aspetto multidipartimentale del Centro Bilingualism [email protected], il quale è un’entità autonoma dell’Ateneo fiumano, composta da docenti dei Dipartimenti di Anglistica, Croatistica, Germanistica, Italianistica e Culturologia, ma anche da ricercatori esterni interessati alla materia.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display