Rovigno vuole sentire il parere dei residenti

Sondaggio annuale sul lavoro dell’amministrazione cittadina per determinare le priorità future. Il linea generale il voto è favorevole

Ogni anno, la Città di Rovigno conduce un’indagine sulla soddisfazione dei cittadini per la gestione della Città, come una forma di partecipazione alle decisioni e ai lavori dell’amministrazione cittadina, il cui scopo è una migliore comprensione delle necessità della popolazione per determinare le priorità future. L’indagine condotta dalla Città nell’ambito del Sistema di gestione integrato della qualità secondo lo standard ISO 9001, ha dato risultati davvero interessanti.

 

Nel sondaggio più della metà dei residenti intervistati ha affermato che la situazione nell’area sia migliorata dalle ultime elezioni, dicendosi soddisfatta soprattutto della qualità dei servizi comunali, ossia della pulizia della città, della frequenza della rimozione dei rifiuti, dell’assetto delle aree verdi, ecc. In linea generale i cittadini hanno espresso apprezzamenti anche per quanto riguarda gli impianti sportivi e l’infrastruttura. D’altro canto, si sono detti insoddisfatti dei contenuti a disposizione dei giovani e quale problema più grande di Rovigno, hanno puntato il dito contro la cronica mancanza di parcheggi. A conti fatti i residenti sostengono l’operato del governo locale, in particolare il lavoro del sindaco e delle imprese cittadine e ritengono che il primo cittadino e il suo team si siano impegnati molto per migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

La maggior parte degli intervistati è soddisfatta di tutti i progetti realizzati o in fase di attuazione. Tra le iniziative avviate quest’anno di maggior interesse per i cittadini figurano la ristrutturazione degli asili di Villa di Rovigno e di Mondelaco (56%), la costruzione della rete fognaria con i fondi UE (56%) e la ristrutturazione dell’Ospedale “Martin Horvat” (55%).

Tra i numerosi progetti futuri di grande interesse si dicono favorevoli alla costruzione della stazione degli autobus a Concetta (71%), alla costruzione dell’impianto di trattamento delle acque reflue a Cuvi (45%) e alla ristrutturazione dell’Istituto professionale “Eugen Kumičić” (41%).

Facebook Commenti