In bici: «Ai limiti del Parentino»

La corsa è in agenda domani con partenza alle ore 10 dal belvedere di Visinada

Lungo il tracciato della Parenzana

Tradizionalmente, l’ultima domenica di settembre era dedicata alla corsa ciclistica “Parenzana”, con partenza e arrivo a Visinada. Quest’anno l’evento non si svolgerà, ma il Club ciclistico “Parenzo” offrirà una corsa alternativa, con la quale presenterà il percorso ciclistico turistico 104, denominato “Ai limiti del Parentino”. Il percorso, tracciato la scorsa primavera, rientra nella nuova rete delle strade ciclistiche in offerta tra il Canale di Leme e il fiume Quieto. Lungo 48 chilometri, con circa 500 metri di dislivello, comprende strade sterrate, asfaltate e il tracciato della vecchia ferrovia Parenzana ed è adatto a bici MTB e gravel.

Il tragitto attraversa il paesaggio agrario visinadese, con i suoi produttori di vino, olio d’oliva e lavanda e gli agriturismi locali. Partendo da Visinada, si attraversa l’altipiano sovrastante il Quieto per giungere all’abitato di Ohnići. Qui ci s’immette sul tracciato della Parenzana per raggiungere, attraverso il bosco, l’abitato di Ženodraga. Superata Visignano, attraverso Mompaderno si arriva a Caroiba e, riprendendo ancora una volta la strada della Parenzana, si ritorna a Visinada. La partenza è prevista dal belvedere di Visinada domenica, 27 settembre, con partenza alle ore 10.

Facebook Commenti