«BioIstra». Viaggio educativo-ecologico tra gli oliveti e i vigneti della zona di Portole

Evento dell’Associazione per la promozione dello sviluppo sostenibile e della qualità della vita

L’oliveto ecologico della famiglia Ipša

La filiale di Levade dell’Associazione per la promozione dello sviluppo sostenibile e della qualità della vita ‘BioIstra”, ha proposto sabato scorso il primo incontro educativo-ecologico con scampagnata intitolata “Ulika oprtaljskog (k)raja” (Gli olivi del territorio/paradiso di Portole). Un’iniziativa rivolta agli attuali e futuri soci e sostenitori dell’Associazione, di cui numerosi sono volontari e amici che condividono obiettivi comuni quali la sostenibilità della biodiversità e della ricchezza naturale della nostra regione, il raggiungimento di una maggiore efficienza produttiva preservando le risorse naturali e l’assistenza reciproca attraverso una migliore connessione tra tutti gli interessati.

 

”Il nostro obiettivo è consentire ai partecipanti di conoscere le bellezze, le caratteristiche e le potenzialità del Comune di Portole e scambiare informazioni ed esperienze sull’olivicoltura tradizionale e moderna, con particolare attenzione sui prodotti cosmetici biologici e naturali a base d’olio d’oliva. Comprenderà pure il progetto ‘Ekosfera Oprtalj’ e ulteriori piani per il nostro lavoro”, ha affermato il presidente della filiale di “BioIstra” di Levade, Dean Visintin.

I cosmetici naturali “Elia”

Il primo appuntamento ha visto inizialmente un incontro presso la Comunità degli Italiani di Levade, dove si è parlato delle tecniche tradizionali e moderne dell’olivicoltura e della viticoltura, con particolare riferimento a quella ecologica, cui è seguita una visita all’uliveto biologico e alla sala di degustazione dell’olio d’oliva della famiglia Ipša a Ipši e all’uliveto tradizionale e alla cantina della famiglia Visintin a Zubini. In programma pure un laboratorio e la presentazione di cosmetici naturali prodotti di Lučana Oklen Perković, madre di tre figli, che poco più di due anni fa ha iniziato per hobby a creare cosmetici naturali a base d’olio d’oliva, che oggi propone, ancora in piccole quantità grazie ad un attento lavoro manuale, sotto il nome “Elia”. La socializzazione in tutti e tre i punti è stata accompagnata da una degustazione di oli d’oliva di alta qualità, vino, tè alle olive e rinfreschi forniti dai padroni di casa.

Sulla collina di Zubini

Una proposta di buone idee quindi, che ha riunito una ventina d’interessati, i quali hanno avuto l’opportunità di arricchire il loro bagaglio d’informazioni di base sull’agricoltura biologica, di vivere un’esperienza sulle bellezze del coltivato, di conoscere le caratteristiche e le potenzialità del comune di Portole, nella ferma convinzione che queste debbano essere preservate.

Lučana Oklen Perković e Vlasta Radoičić

”A conclusione di questo viaggio stimolante, sulla collina di Zubini, che vanta un panorama mozzafiato sul territorio verde di Portole, abbiamo raccolto le impressioni personali dei partecipanti e parlato delle possibilità di un ulteriore sviluppo rurale di questa zona, mirato principalmente a migliorare la posizione delle aziende agricole a conduzione familiare e il loro orientamento verso la produzione biologica. Soltanto così i produttori locali potranno distinguersi per la qualità e un valore aggiunto e allo stesso tempo mantenere la bellezza dello spazio, che è altrettanto importante”, ha affermato la presidente dell’Associazione “BioIstra”, Vlasta Radoičić, con master in scienze biotecnologiche, in ingegneria biochimica e alimentare, nutrizionista e professore di gastronomia, nonché consigliere per lo sviluppo sostenibile della Regione istriana, che ha invitato tutti gli interessati a partecipare alla presentazione dei produttori e dei loro prodotti alla 27.esima edizione di “Vinistra”, in calendario a Parenzo dal 18 al 20 giugno prossimi.

Visita all’oleificio

”Ringraziamo il Comune di Portole per il loro sostegno, la Comunità degli Italiani di Levade e gli imprenditori che hanno dato il loro contributo al successo del nostro primo incontro educativo-ambientale. Grazie anche a tutti coloro che si sono uniti a noi e hanno mostrato interesse per il nostro lavoro e le strutture offerte, con la speranza che si siano divertiti a scoprire le bellezze della nostra zona”, ha concluso Dean Visintin, annunciando che nel prossimo periodo la filiale di Levade si concentrerà principalmente sull’implementazione del progetto “Ekosfera Oprtalj”, sulla creazione di un’aula all’aperto e sull’allestimento di una stazione meteorologica nell’ambito della Scuola Elementare di Portole.

Facebook Commenti