Sanità. I finanziamenti dello Stato non bastano

Dalle casse regionali assicurate le sovvenzioni per le Thalassotherapie e le specializzazioni

0
Sanità. I finanziamenti dello Stato non bastano
La Thalassotherapia di Crikvenica. Foto: ŽELJKO JERNEIĆ

Approvato il Bilancio d’assestamento, la Regione è in grado di ripartire i mezzi finanziari destinati alle sei Città e Comuni del Gorski kotar per i quali è stato proclamato lo stato di calamità naturale dopo le alluvioni del settembre scorso. Si tratta di 2 milioni di kune che serviranno per il risanamento dei danni. Lo ha reso noto il presidente Zlatko Komadina alla consueta conferenza stampa del lunedì, annunciando che lo stato di calamità naturale è stato proclamato anche per la Città di Novi Vinodolski e i Comuni di Vinodol, Malinska e Dobrinj, devastati dalle alluvioni del novembre scorso. La valutazione dei danni è ancora in corso. Una volta stabilita, la Regione assicurerà il finanziamento per la risanamento dei danni all’infrastruttura pubblica, comunale e stradale.

“Siccome i mezzi finanziari dello Stato derivanti dal decentramento e a favore del settore della sanità sono insufficienti, situazione di cui ho informato il premier Plenković alla riunione con il governo a Spalato, la Regione ha deciso di venire incontro agli ospedali specializzati. Alla Thalassotherapia di Crikvenica verranno assicurate 366mila kune per le riparazioni necessarie alle strutture e all’attrezzatura. Alla Thalassotherapia di Abbazia andranno 922mila kune per permettere di iniziare con i preparativi per il progetto di ricostruzione, ampliamento e attrezzamento del centro wellness e dei nuovi ambulatori. Questo progetto verrà finanziato dai mezzi a fondo perduto del programma nazionale di ripresa e resilienza 2021-2026, con 41 milioni di kune”, ha spiegato Zlatko Komadina.
Assicurati pure i mezzi per le specializzazioni dei dottori in medicina. Per la Thalassoterapia di Abbazia si tratta di 5 specializzazioni: tre in cardiologia, una in radiologia e una in biochimica clinica e medicina di laboratorio. Per la casa di cura di Lussingrande ne verrà predisposta una in pediatria e per la Thalassotherapia di Crikvenica altre 5 in dermatologia, venereologia, medicina fisica e riabilitazione. I programmi che sono stati proposti dalle Città di Buccari e Čabar, nonché dai Comuni di Čavle e Kraljevica, verranno supportati con 80mila kune.

Affitto agevolato
Dragica Marač, capodipartimento per la politica sociale e i giovani, ha annunciato che il presidente ha deliberato la ripartizione di 1,1 milioni di kune per la sistemazione di appartamenti di proprietà delle unità di autogoverno locale. Si tratta della misura demografica che ha l’obiettivo di aiutare le giovani famiglie, soprattutto nel Gorski kotar e sulle isole quarnerine, a risolvere la questione abitativa. Gli appartamenti, una volta sistemati, verranno dati in affitto tramite concorso a un prezzo che non potrà superare i 2 euro al metro quadrato. I primi a ricevere questi incentivi sono stati il Comune di Mrkopalj (300mila kune) e le Città di Cherso (420mila kune), Vrbovsko (132mila kune) e Čabar (248mila kune). I primi inquilini dovrebbero traslocare negli appartamenti entro l’estate del 2023.
Komadina ha aggiunto che alla riunione con il governo ha proposto che lo Stato assegni tutte le sue proprietà che ritiene sconvenienti, in gestione alle Città e alle Regioni, trattenendo soltanto quelle d’importanza strategica. Ad esempio, a Fiume ci sono 400 appartamenti di proprietà dello Stato. Con il trasferimento della proprietà si potrebbe risolvere il problema delle liste sociali.
Dragica Marač ha, inoltre, reso noto che sono state assicurate 30mila kune per l’aggiornamento professionale dei dipendenti del Centro per la riabilitazione Fortica, volto all’ottenimento del certificato di qualità E-Qalin. In questo modo il Centro diventerà il primo ad avere questo certificato e potrà essere la base professionale per tutti coloro che lavorano con i disabili.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display