Fiume. Turismo: inizio anno da record

Nei primi due mesi in città sono stati registrati quasi 38mila pernottamenti, il 13 p.c. in più rispetto all'anno scorso

Turisti in Corso a Fiume. Foto:Goran Kovacic/PIXSELL

A febbraio Fiume si è piazzata al terzo posto a livello nazionale per quanto riguarda il flusso turistico relativo al soggiorno negli appartamenti privati con 2.650 arrivi, e all’ottavo posto con 20.037 pernottamenti. Nei primi due mesi del 2020 sono stati registrati 37.943 pernottamenti, ossia il 13% in più rispetto all’anno scorso. La maggior parte di essi riguarda i turisti italiani, che ne hanno realizzato 2.765. In media, i turisti stranieri si sono fermati in città 3,48 giorni, mentre quelli nostrani 2,21.
Per quanto riguarda i pernottamenti nel singolo mese di febbraio, l’aumento è del 14% rispetto al 2019. Questi ottimi risultati sono il frutto del ricco programma del Carnevale fiumano, culminato con la sfilata internazionale. Soltanto nell’ultimo fine settimana del Carnevale sono stati registrati 4.358 pernottamenti, ovvero il 17% in più rispetto all’anno precedente. Gli ospiti, molti dei quali hanno anche partecipato alla sfilata, hanno contribuito all’incremento del traffico turistico non soltanto a Fiume, ma anche nelle località limitrofi.
In base ai dati del sistema informatico eVisitor, la maggior parte dei pernottamenti ricade sugli appartamenti presso privati (45,2%), seguiti dagli alberghi e dagli ostelli. La maggior parte dei turisti rientra nella fascia d’età compresa tra i 19 e i 30 anni. Un inizio anno di buon auspicio, dunque, per la Capitale europea della Cultura 2020.

Facebook Commenti