A Torretta sorgerà un albergo di lusso

La nuova struttura troverà spazio nell’ex ostello della raffineria Ina. L’investitore è Josip Polonijo, titolare dell’azienda Mariška di Verbenico (isola di Veglia)

L’ex ostello costruito nel 1962 a Torretta, in via Čandek, per ospitare i lavoratori della raffineria Ina, potrebbe diventare presto un albergo di lusso. La struttura era stata abbandonata nel 2008 e anno dopo anno si è trasformata in un rudere, un luogo nel quale molto spesso si rifugiavano i senzatetto, suscitando le proteste dei residenti.
Qualche mese fa l’edificio è stato acquistato a un’asta pubblica da Josip Polonijo, titolare dell’azienda Mariška di Verbenico (Vrbnik), sull’isola di Veglia. In questi giorni sono in corso i lavori di sgombero e di pulizia degli interni per preparare la struttura ai lavori di ristrutturazione che potrebbero iniziare in autunno. Attualmente l’investitore è in attesa della procedura di rilascio della licenza edile. Secondo le prime proiezioni, l’hotel potrebbe aprire i battenti già entro la fine del prossimo anno.

Una piscina sul tetto

Il futuro boutique hotel, disporrà di 22 unità abitative, tra appartamenti, camere e monolocali. La peculiarità, ma anche un’attrattiva per i futuri clienti, sarà certamente la piscina di 20 metri che troverà spazio sul tetto dell’edificio. “Già da parecchio tempo avevo in mente di aprire a Fiume un piccolo albergo, ma non riuscivo a trovare un immobile adatto. Poi sono venuto a sapere che l’ex ostello dell’Ina era stato messo in vendita. Quindi ho partecipato all’asta e sono riuscito ad aggiudicarmelo. Anche se non si tratta di una location molto attrattiva perché non si trova né in centro città né tanto meno vicino al mare, sono ugulamente convinto che abbia un grande potenziale e che con l’offerta che pensiamo di mettere a disposizione dei clienti, sarà una struttura molto gettonata”, aveva dichiarato a suo tempo Josip Polonijo, che abbiamo cercato di contattare, ma invano perché risultava irreperibile.
L’azienda Mariška già da anni è attiva nei settori dell’edilizia e del turismo, sia sull’isola di Veglia che nel resto della Croazia. Polonijo confida nel successo di questo piccolo futuro gioiello anche per il fatto che l’anno prossimo il numero dei turisti a Fiume è destinato ad aumentare grazie al progetto CEC 2020.
L’ex ostello si estende su una superficie di 700 metri quadrati ed è disposto su tre piani. Il progetto di ristrutturazione è stato realizzato dall’ufficio architettonico Studio Mapa di Fiume.

Facebook Commenti