Slovenia: tragico record di decessi: 45 in 24 ore

In Slovenia mercoledì sono stati confermati 2.064 nuovi casi di coronavirus a fronte di 6.806 test effettuati. Purtroppo, è stato anche registrato il tragico record di 45 decessi. Nonostante il numero di nuovi contagi sia lievemente inferiore rispetto al giorno precedente, è tuttora alto il tasso dei tamponi risultati positivi, pari al 30,33 p.c.
“Questi dati non sono per niente rassicuranti, siamo preoccupati per come la situazione possa procedere nei prossimi giorni”, ha dichiarato il portavoce del governo per il Covid Jelko Kacin, aggiungendo che l’alto numero di contagi degli ultimi giorni potrebbe essere la conseguenza del mancato rispetto delle misure antiepidemiche da parte della popolazione, durante le celebrazioni della Festa di San Martino della settimana scorsa.
Tra le aree più colpite vanno annoverate le regioni statistiche di Murania, Carinzia e Oltredrava, e la regione dell’Alta Carniola. In aggiunta, ha rilevato Kacin, è stato registrato un elevato numero di casi di Covid nella zona occidentale del Paese, al confine con l’Italia.
È stato inoltre confermato un lieve calo dei ricoveri ospedalieri, segno, secondo il portavoce del governo per il Covid, del miglioramento delle condizioni delle strutture sanitarie. Infatti, secondo i dati del Ministero della Salute, sono 1.238 i pazienti attualmente ricoverati negli ospedali, ovvero 42 in meno rispetto al giorno precedente, mentre è diminuito anche il numero di casi gravi di coronavirus, per cui al momento si contano 205 pazienti nei reparti di terapia intensiva (quattro in meno del giorno antecedente).
Preoccupa tuttora la diffusione del virus nelle Case di riposo, dove cresce il numero di contagi tanto tra il personale quanto tra i residenti. “Rimanendo a casa potete dare un enorme contributo alla riduzione del numero di casi positivi e al contenimento dell’epidemia”, ha raccomandato Kacin, invitando tutti i cittadini al rispetto delle misure antiepidemiche al fine di salvaguardare la propria e l’altrui salute.

Facebook Commenti