Migranti. Eurodeputati italiani: è stata una visita privata

Foto: Pixsell

La visita sabato scorso degli eurodeputati italiani del Partito democratico al confine tra Croazia e Bosnia ed Erzegovina è stata stigmatizzata duramente anche dal premier Andrej Plenković. Nel corso di un videocollegamento con il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, Andrej Plenković – come si rileva nella nota diffusa dal governo di Zagabria – ha protestato “per la visita privata di quattro eurodeputati italiani del Gruppo dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici all’Assemblea di Strasburgo (S&D), al ‘confine verde’ tra Croazia e Bosnia ed Erzegovina, nella Regione di Sisak e della Moslavina”.
Durante la conversazione, come si evidenzia sempre nella nota governativa, entrambi gli interlocutori hanno confermato “il carattere privato della visita degli europarlamentari socialisti italiani, sottolineando il fatto che tale visita non è stata in alcun modo organizzata e nemmeno ha ottenuto l’assenso del Parlamento europeo”.

L’articolo completo sulla Voce in edicola giovedì 4 febbraio o in formato digitale. Clicca qui e abbonati.

Facebook Commenti