Un’alleanza robotica nel futuro delle relazioni italio-croate (foto e video)

L’Ambasciata d’Italia a Zagabria svolge tradizionalmente un ruolo attivo nella promozione dell’inventiva, del know-how tecnologico e dell’esperienza manifatturiera maturati nello Stivale nella sfera industriale e scientifica. In quest’ottica l’Ambasciata ha promosso oggi la conferenza “Robotica – Dai laboratori/officine al mercato” (Robotics – From the workshop to the market) che si ricollega all’evento “Le sfide dell’Industria 4.0: ricerca, innovazione e nuove tecnologie quali strumenti per sospingere la competitività negli affari”, tenutasi a Zagabria nell’aprile scorso. L’appuntamento si è svolto negli spazi della Facoltà d’Ingegneria meccanica e d’Architettura navale (FSB) dell’Università di Zagabria e si è focalizzato su tre importanti argomenti: l’impiego della robotica e dell’automazione avanzata nell’industria manifatturiera e nei servizi collegati; l’impatto del sistema formativo e delle attività di ricerca sull’innovazione e sull’imprenditoria; nonché la promozione del quadro di supporto e guida per ricercatori, innovatori e aziende che introducono tecnologie avanzate.
A porgere il benvenuto ai partecipanti (a fianco dei numerosi studenti ad assistere al convegno c’era anche i rappresentanti di alcune missioni diplomatiche a iniziare dall’Ambasciatore israeliano, Ilan Mor, nda) sono stati l’Ambasciatore italiano in Croazia, Pierfrancesco Sacco, il rettore dell’Università di Zagabria, Damir Boras, il preside della FSB, Dubravko Majetić, l’accademico Zvonko Kusić (intervenuto in qualità di emissario del primo ministro Andrej Plenković), Hrvoje Meštrić, titolare della Direzione per la Scienza e la tecnologia in seno al Ministero della Scienza e dell’Istruzione, e Bojan Batinić, responsabile della Direzione per l’internazionalizzazione in seno al Ministero dell’Economia e dello Sviluppo sostenibile.
Il servizio completo sulla Voce in edicola giovedì 7 ottobre, o in formato digitale. Clicca qui e abbonati.






S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.