Fiume. In fumo il covone di fieno di Kožarić

Simboleggiava la mietitura di avvenimenti culturali di cui Fiume andrà incontro in questo 2020 come Capitale europea della cultura. Invece è stato l’ennesimo simbolo (vittima) del degrado civico che questa città sta vivendo. Sabato in tarda serata è stato dato alle fiamme il covone di fieno (scultura temporanea dell’accademico Ivan Kožarić) posto in piazza della 128.esima brigata, davanti all’albergo Bonavia. Il gesto è nella sua tristezza simbolico e purtroppo ha fatto la fine di quei libri che tanto tempo fa un regime oscurantista come il nazismo ha dato alle fiamme…

Il covone di fieno prima di essere stato bruciato. Foto Nel Pavletic/PIXSELL

L’opera a dir il vero aveva suscitato stupore e incredulità di diversi cittadini che non ne avevano colto il messaggio. Doveva restare in centro fino a inizio manifestazione, ma l’inciviltà non comprende e la cultura subisce l’ennesimo stupro. Fortunatamente l’atto increscioso non ha provocato danni materiali o feriti.

Facebook Commenti