Croazia: 1,9 mln di turisti a settembre. Pochissimi italiani

Una donna sulle antiche mura che cingono Ragusa (Dubrovnik). Foto Grgo Jelavic/PIXSELL

Risultati oltre ogni più rosea aspettativa. Oggi il Ministero del Turismo ha reso noto i dati turistici realizzati nel mese di settembre. Ebbene, nelle località di villeggiatura croate sono arrivati 1,9 milioni di vacanzieri, che hanno realizzato 12 milioni di pernottamenti, rispettivamente il 245% e il 147% in più rispetto al settembre 2020. Se i numeri vengono comparati con il 2019 dei record lo scorso mese è stato registrato l’81% di arrivi e il 94% di pernottamenti.
L’Istria, come sempre, è al top con 3,8 milioni di pernottamenti, seguita dalla Regione di Spalato e della Dalmazia (2,3 milioni) e da quella litoraneo-montana (2,1 milioni). A settembre c’è stato il grande ritorno di Ragusa (Dubrovnik) tra le mete preferite dei turisti, che ha conquistato il primo posto, davanti a Spalato, Rovigno, Zagabria e Parenzo.
Tra gli stranieri primeggiano, come del resto tutta l’estate, i tedeschi, seguiti da austriaci, polacchi, sloveni, cechi e britannici. Pochissimi gli italiani, che nell’estate appena passata non hanno scelto la Croazia come destinazione delle proprie vacanze come negli anni passati.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.