«Dialogo e impegno»

Maurizio Tremul sugli obiettivi in sede legislativa

0
«Dialogo e impegno»

Migliorare la Legge sulla RTV di Slovenia “con la costituzione di una specifica Unità produttiva e di programma autonoma per i Programmi Italiani di RTV Capodistria dotata di autonomia economica, gestionale, organizzativa, di programma, dei quadri, delle risorse professionali e della capacità strutturali, attraverso l’individuazione di finanziamenti certi e costanti, derivanti sia dal canone, sia dai mezzi pubblici”. Prevedere “il necessario finanziamento pubblico a bilancio sia dei Programmi Italiani di RTV Capodistria, sia del Centro Regionale RTV Koper-Capodistria, in forza della sua particolare specificità transfrontaliera”. E ancora, “aumentare i finanziamenti per le attività culturali delle CI di Ancarano, Crevatini, Bertocchi, Capodistria, Isola e Pirano; definire, d’intesa con i beneficiari, una più corretta ed equa distribuzione delle relative risorse tra le singole CI” e il loro rafforzamento strutturale “attraverso l’impiego di connazionali presso ciascuna CI”. Sono questi alcuni degli obiettivi inseriti nel programma elettorale di Maurizio Tremul, candidato al seggio specifico della CNI al Parlamento sloveno.
“Vanno aumentati – scrive Tremul nella nota diffusa alla stampa – i fondi per le Istituzioni unitarie della CNI con sede in Croazia (Edit di Fiume, Crs di Rovigno, Dramma Italiano di Fiume e Unione Italiana), che realizzano i diritti costituzionali della CNI in Slovenia, fondi praticamente immutati da oltre un decennio”.
“Riformeremo – aggiunge Tremul nella nota – la Legge sulle CAN al fine di coprire gli esistenti vuoti legislativi e con la possibilità per le CAN di acquisire immobili in proprietà. Trasferiremo maggiori competenze dallo Stato alle CAN. Delegheremo alla CAN Costiera le competenze dello Stato in materia di verifica sull’attuazione del bilinguismo elevando il livello istituzionale dell’Ufficio per il bilinguismo, anche attraverso l’impiego finalizzato a tale attività di uno-due connazionali presso ciascuna CAN comunale.” Tremul infine promette: “Adotteremo una concreta ed efficace politica di monitoraggio e di attuazione del bilinguismo in Istria”. Lo Stato – conclude – deve assicurare le risorse finanziarie anche per la formazione e l’aggiornamento linguistico dell’italiano per i dipendenti pubblici”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display