Usa terra promessa: Punčec «vola» a Kansas City

Ancora un giocatore del Rijeka trova una sistemazione nella Major League Soccer

Roberto Punčec ha trovato subito una sistemazione dopo la rescissione del contratto con il Rijeka. Foto Nel Pavletic/PIXSELL

Il Rijeka, quando si tratta di mercato sembra aver aperto una linea diretta con gli Stati Uniti, nuova terra promessa di molti calciatori europei con la carriera in declino. Nella Major League soccer (MLS), via Union Berlin, il primo ad aprire le porte è stato l’ex capitano Damir Kreilach, poi è toccato al brasiliano Heber che a New York si è acclimatato subito a suon di gol. Il prossimo sarà il centrale Roberto Punčec (Sporting Kansas City), scaricato dalla società fiumana dopo lo 0-5 con la Dinamo: uno che forse ha pagato gli errori di tanti. A fine della tornata estate/autunno, durante la finestra di mercato di gennaio, sarà la volta di Dario Župarić, lo stopper prossimo a indossare la maglia dei Portland Timbers.Secondo Peter Vermes, ds di Kansas, uno con l’esperienza di Punčec sarà sicuramente d’aiuto alla squadra. A 28 anni il difensore ha rescisso consensualmente il contratto col Rijeka (non sono noti i particolari finanziari dell’operazione). Assieme a Punčec per rafforzare la difesa il SKC ha ingaggiato Botond Barath (ex Honved Budapest) e  Andreu Fontas (ex Celta Vigo). Lo Sporting Kansas City è penultimo in classifica con 38 punti, 4 più del fanalino di coda Vancouver Whitecars.
Si intuisce fin d’ora che  il mercato di gennaio del Rijeka più che all’attacco sarà concentrato sul potenziamento della difesa, perché con l’addio di Punčec e Župarić,  Rožman resta con due centrali disponibili: Escoval e Velkovski, e specie quest’ultimo è costantemente alle prese con acciacchi di ogni genere, tantoché da quando è giunto a Fiume ha collezionato più presenze con la nazionale macedone che non con il Rijeka.Il compitino per il diesse Juričić è bello che pronto: niente vacanze invernali, la caccia al difensore è aperta…

Facebook Commenti