L’Istra 1961 a caccia dell’ottavo posto

I gialloverdi oggi (ore 19.05) ospitano lo Šibenik che li precede in classifica di un punto

0
L’Istra 1961 a caccia dell’ottavo posto

Fatto il pieno di fiducia dopo il pareggio ottenuto in trasferta contro l’Osijek, una delle squadre che ambiva al titolo, l’Istra 1961 oggi tra le mura amiche del Drosina (ore 19.05, arbitro Kajinić di Požega), nella 34ª giornata di Prima Lega farà gli onori di casa allo Šibenik, che nel campionato in corso ha fatto bottino pieno contro i gialloverdi (3-1 e 2-1 a Sebenico, e 3-4 a Pola). Entrambe le squadre navigano nella parte bassa della classifica: i dalmati sono ottavi a quota 29 punti, mentre gli istriani noni con una lunghezza di ritardo. Quello che conta maggiormente è che a tre turni dal termine del campionato le due squadre hanno ottenuto la certezza matematica della salvezza, con il Dragovoljac che scende di categoria.

L’allenatore dell’Istra 1961, Gonzalo Garcia.
Foto: SANJIN STRUKIC/PIXSELL

Gli obiettivi da raggiungere comunque non mancano. L’Istra 1961 del tecnico uruguaiano Gonzalo Garcia ad esempio vuole superare in graduatoria l’odierno avversario per schiodarsi dopo parecchi anni dal penultimo posto. “Prevedo una bella partita – ha detto il tecnico dell’Istra 1961 –, contro un avversario che è ai nostri livelli e che sicuramente sarà intenzionato a non perdere la gara per mantenere l’attuale posizione. La nostra ambizioni è invece quella di migliorare la classifica e abbandonare questa nona posizione che ci… perseguita da anni. Sarà anche l’occasione giusta per schierare i nostri giovani giocatori cresciuti nel vivaio e che nel corso della stagione non hanno avuto troppe opportunità per mettersi in mostra. Siamo sa un solo punto dallo Šibenik e quindi abbiamo l’occasione per superarlo in classifica. Nei precedenti in stagione abbiamo creato tanto e giocato anche bene, però abbiamo sempre pagato alcuni svarioni difensivi subendo gol nel minuti finali. Va detto che lo Šibenik è bravo nelle fase di transizione e dispone di ottimi attaccanti. Noi purtroppo dovremo fare a meno del bomber Dion Drena Beljo, squalificato per somma di ammonizioni, però saranno a disposizione Mišković, Bandé. Ivančić e Moura. Inoltre, in difesa siamo sempre più concentrati e subiamo meno reti. Siamo una squadra competitiva che s’impegna al massimo in ogni partita”, ha concluso l’allenatore dell’Istra 1961.
Tra i candidati per l’undici titolare figura anche pure il 20.enne Mihael Rovis, nativo di Pola e poi trasferitosi al Rijeka dove ha militato nella squadra juniores. “Sto bene come del resto tutta la squadra. In quanto allo Šibenik dovremo prestare particolare attenzione al loro repentino cambio della fase di gioco. Non sono sceso in campo al Drosina dal primo minuto: è un mio sogno in quanto sono nato in questa città. Non c’è nessuna pressione, anche se si tratta di un piccolo ‘derby’ per l’ottavo posto”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display